Una bandiera della Lega è stata messa sopra lo striscione “Verità per Giulio Regeni” durante i festeggiamenti per la vittoria del sindaco leghista Alan Fabbri a Ferrara. Il primo cittadino ha vinto al ballottaggio ed era sostenuto dalla coalizione di centrodestra: per la prima volta dopo 70 anni la città non sarà amministrata dal centrosinistra.

La bandiera, poco dopo l’annuncio della vittoria di Fabbri, è stata esposta sullo scalone del Municipio e si è scelto di metterla proprio sopra lo striscione giallo di Amnesty International in memoria del ricercatore italiano ucciso in Egitto e per il cui omicidio non stati ancora individuati i responsabili. Poco più di un anno fa lo stesso striscione era stato rubato e poi ritrovato dalla polizia poco distante.

Il Partito democratico sui social network ha condannato il gesto. “Ci sono tanti modi di festeggiare una vittoria”, ha scritto su Twitter il vicepresidente della Camera Ettore Rosato. “La Lega a Ferrara ha scelto il peggiore: coprire con la propria bandiera lo striscione per Regeni. Un gesto cattivo e inutile racconta l’arroganza di chi il rispetto per gli italiani lo ha solo a parole”. Su Facebook invece l’assessore regionale dell’Emilia Romagna Raffaele Donini ha scritto: “Mai avrei coperto con una bandierina del mio Partito un grido di dolore di una famiglia, di una comunità cittadina, di un intero Paese, che chiede verità e giustizia per un nostro ragazzo connazionale barbaramente torturato ed ucciso in un Paese straniero”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvini a Cremona, ragazzo espone scritta “Ama il prossimo tuo” al comizio: schiaffi e calci dai sostenitori leghisti

next
Articolo Successivo

M5s, Di Maio: “Vittoria Campobasso? Non ne faccio un trofeo. Siamo vittime nostra fissazione, ci serve organizzazione”

next