Sarà forse un caso l’annuncio di una partnership tra FCA e la startup della Silicon Valley, Aurora Innovation, poco dopo l’altro annuncio, quello che ha sancito il naufragio (ammesso che sia definitivo) delle trattative  per la fusione con la francese Renault? Sta di fatto che la guida autonoma, insieme alla mobilità a zero emissioni, era uno dei  temi che il sodalizio italo-americano aveva posto alla base della proposta fatta alla Casa della Losanga.

Fino ad oggi l’impegno di Fca nel campo della tecnologia autonoma era rappresentato da un lato dalla fornitura di 65 mila Chrsyler Pacifica ibride ad Alphabet di Waymo, per il servizio di ride-sharing, dall’altro dalla partnership ottenuta subito dopo conBmw, Mobileye e Intel. Ora, l’accordo con Aurora Innovation le consentirà di ampliare il lavoro ulteriormente, sviluppando una piattaforma per i veicoli commerciali senza conducente.

Per la startup di Palo Alto, FCA rappresenta l’ultimo degli altri grandi partner acquisiti negli anni, a partire da Volkswagen e poi Hyundai, senza contare anche l’impronta lasciata in Google, Uber e Tesla: in tutti i casi, però, il lavoro sulla tecnologia autonoma era rivolto ad un impiego di questa in ambito privato o, più ampio, delle flotte per i servizi della mobilità condivisa.

Oggi invece la partnership con FCA punta a rendere la guida autonoma fruibile soprattutto in ambito commerciale, quindi per la logistica e servizi di consegna. “Aurora porta con sé un insieme di capacità uniche” ha commentato Mike Manley, CEO di Fiat Chrysler Automobiles, “combinate con una tecnologia mirata e avanzata che migliorerà il nostro approccio alla guida autonoma”.

Una possibilità è quella che il know-how offerto da Aurora possa essere integrato intanto anche sui pickup Ram e quelli della gamma Fiat Professional: il sistema sviluppato dalla startup ha un’autonomia di guida di livello 4, il che rende i veicoli in grado di guidarsi da soli senza l’ausilio dell‘intervento umano. Al momento, quanto all’investimento economico, nessuno dei due partner ha rilasciato dichiarazioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Toyota spinge sull’elettrico. Alleanza con Subaru, nuove batterie e piattaforme

prev
Articolo Successivo

Auto elettriche e ibride, cresce il mercato italiano ma i volumi sono ancora bassi

next