L’harakiri della Lega, che perde Rovigo, è clamoroso. Il partito di Salvini ha governato per quattro anni, poi il sindaco aveva cominciato a perdere pezzi di giunta, fino a rimanere da solo. Senza assessori, senza maggioranza. Per ventun giorni ha resistito nel vuoto amministrativo più assoluto, finché a sfiduciarlo, quando la situazione era diventata insostenibile, una specie di farsa politica, sono stati anche i suoi consiglieri, poi puniti dal partito per aver fatto cadere un sindaco che però i rodigini non rimpiangeranno. Ma la frana di Massimo Bergamin, ex autista di autobus, diventato addirittura vicepresidente regionale della Liga Veneta–Lega Nord, a distanza di alcuni mesi si è trasformata in un’autentica disfatta per il Carroccio.

Il nuovo sindaco di Rovigo è, infatti, Edoardo Gaffeo del centrosinistra a cui è riuscito un recupero che ha del miracoloso. Contro di lui la Lega, che era riuscita a ricompattare il centrodestra nonostante il disastroso epilogo di legislatura, ha schierato Monica Gambardella. Al primo turno se l’è cavata egregiamente, ottenendo 10.616 voti, pari al 38,17 per cento, mentre Gaffeo si era dovuto accontentare di 7.070 consensi, con un modesto 25,42 per cento. Differenza notevole, quasi il 13 per cento. Ma il centrosinistra ha sfruttato il serbatoio elettorale della terza arrivata, la commercialista Silvia Menon, che alla testa di alcune liste civiche aveva ottenuto 6.394 voti, pari al 22,99 per cento. Dopo il primo turno, un po’ delusa, la Menon aveva annunciato il ritiro dall’attività politica iniziata otto anni fa, e aveva dichiarato pubblicamente: “Ora i nostri elettori decideranno in completa libertà se starsene a casa o andare a votare”. Non molti hanno deciso di andarci, visto che in totale l’affluenza al secondo turno è calata dal 68,4% al 50,26%. Ma l’effetto combinato del decremento di schede e delle opzioni personali degli elettori delle civiche, ha fatto maturare il recupero di Gaffeo, docente di scienze economiche e statistiche all’università di Trento.

E’ stato un testa a testa appassionante. Dopo 13 sezioni scrutinate su 56 il suo vantaggio era di appena 15 voti. A 40 seggi su 56 è salito a 278 voti. Alla fine la forbice è stata di 390 voti appena. Per Gaffeo il risultato si è fissato i 10.600 consensi, pari al 50,94%. L’architetto Gambardella si è fermata a 10.210, pari al 49,06%, circa 400 voti in meno rispetto a quelli del primo turno. E’ stato Gaffeo a risalire la corrente, con un incremento di voti pari al 49,9 per cento.

Nel 2015 l’impresa di Bergamin era stata memorabile. Ma poi è stato travolto dallo sgretolamento interno. Le dimissioni dei consiglieri erano state decise per evitare l’ormai inevitabile commissariamento, che avrebbe fatto slittare al 2020 le elezioni per avere un nuovo sindaco.

In Veneto il centrosinistra conserva Valdagno, dove Giancarlo Acerbi si riconferma per altri cinque anni, distanziando di circa 300 voti Alessandro Burtini del centrodestra, che al primo turno lo aveva sopravanzato di appena 104 consensi. A Mogliano Veneto, nella provincia di Treviso dove alle Europee ha ottenuto un diluvio di voti, la Lega conquista il Comune con appena 45 voti di scarto: 6.166 per Davide Bortolato, 6.121 per Carola Arena del centrosinistra, che ha solo sfiorato il colpaccio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Comunali, a Capaccio Paestum vince il “sindaco delle fritture” e consigliere di De Luca. Nonostante l’inchiesta

prev
Articolo Successivo

Comunali 2019, il centrosinistra tiene con 109 Comuni ma ne perde 40. Avanza a 75 il centrodestra: 36 città conquistate

next