Ci vuole una buona dose di fortuna per sedersi con le gambe sotto la scrivania e intervistare Aboubakar Soumahoro.  Fa parte dell’esecutivo dell’Usb, l’Unione sindacale di base, ma all’ufficio di Roma preferisce le campagne dove va tutte le settimane per ascoltare le voci dei braccianti, quelli che si spaccano la schiena nei campi per pochi euro all’ora. Trentotto anni, originario della Costa d’Avorio, ha da poco pubblicato un libro, Umanità in rivolta, in cui racconta il suo modello di sindacato, libero da legami con imprese e politica, e vicino agli sfruttati. Non solo migranti e lavoratori dei campi, ma anche rider, studenti, disoccupati, operai della logistica e impiegati

L’intervista completa è sul nuovo numero di FQ MillenniuM
Sabato 8 giugno in edicola con il Fatto Quotidiano
E dal 12 maggio solo FQ MillenniuM a € 3,90

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, Landini: “Sciopero generale in autunno? Non escludiamo niente. Serve cambiamento vero”

next
Articolo Successivo

Gabicce Mare e i pochi stagionali, Renzi: “Il M5s paga la gente per stare a casa”. La replica: “Era sfruttamento è finita”

next