“Il salvataggio di vite umane, in questi anni con molta intensità, ha reso prestigio al nostro Paese”. Sono queste le parole che il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha detto ai membri della Marina militare in occasione della festa del Corpo. “L’azione della Marina è fondamentale: è l’azione che garantisce la sicurezza del nostro Paese, dei suoi mari e delle sue coste sotto ogni profilo: la sicurezza in generale, il mantenimento della pace, la sicurezza della libertà di navigazione e dei commerci, la sicurezza delle infrastrutture”.

Il capo dello Stato ha ringraziato in particolare la Guardia costiera, il cui intervento è fondamentale “per il nostro mare e sul nostro mare, con grande generosità. Questa azione viene svolta non soltanto nel nostro mare, il Mediterraneo, con l’operazione ‘mare sicuro’, che garantisce la sicurezza del mare avanti a noi, ma anche lontano. E anch’io sottolineo l’importanza dall’Operazione Atalanta, che ha recato al nostro Paese un grande prestigio in sede internazionale”. Mattarella si è riferito all’operazione diplomatico-militare dell’Unione europea che ha lo scopo di reprimere la pirateria marittima lungo le coste dello Stato del Corno d’Africa e di proteggere le navi mercantili che transitano tra il Mar Rosso, il Golfo di Aden e l’Oceano Indiano.

Il presidente ha ricevuto oggi al Quirinale il capo di stato maggiore, Valter Girardelli e facendo riferimento al recente varo della nave Trieste, ha sottolineato la necessità per la Marina “di continuo sostegno per l’aggiornamento, l’ammodernamento, per avere mezzi adeguati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zingari e immigrati, siete davvero voi il mio problema?

next