Volevano obbligarle a baciarsi, avendo intuito che fossero una coppia lesbica. E di fronte al loro rifiuto, le hanno picchiate a sangue a bordo di un autobus a Camden Town, famoso quartiere di Londra. Melania Geymonat e la sua compagna Chris hanno pubblicato uno scatto di entrambe con il volto tumefatto e il naso sanguinante, divenuto virale, e hanno denunciato l’aggressione alla polizia, che ha arrestato alcune delle persone ritenute responsabili del pestaggio.

“Ci hanno circondate – racconta Geymonat alla Bbc – hanno iniziato a dire frasi veramente aggressive, a parlare di posizioni sessuali e ci hanno ordinato di baciarci mentre loro stavano a guardare”. Secondo la sua testimonianza, gli uomini erano quattro. “Per sdrammatizzare – ha aggiunto la donna – ho fatto delle battute, che Chris non capiva perché non parla inglese. Lei ha iniziato a fingere di star male ma loro hanno cominciato a tirare monetine. Un attimo dopo hanno iniziato a darle dei pugni in faccia. Io ho provato a tirarla fuori, ma hanno iniziato a colpire anche me”, e in pochi istanti “ero coperta di sangue”.

Analizzando le immagini delle telecamere a circuito chiuso e grazie alla prontezza di Geymonat, che ha raccontato di essere riuscita a sfilare il telefonino dalla tasca di uno degli aggressori, la polizia londinese ha arrestato alcune persone sospettate dell’attacco omofobo. “Le indagini continuano”, fa sapere la Metropolitan Police.

L’aggressione è stata definita “ripugnante” dalla premier dimissionaria Theresa May: “Nessuno dovrebbe dover nascondere chi è veramente o chi ama e dobbiamo lavorare insieme per sradicare l’inaccettabile violenza contro la comunità Lgbt”, ha aggiunto l’ex leader dei Tory. Il leader dell’opposizione laburista, Jeremy Corbyn, ha parlato di episodio “assolutamente scioccante”, e il sindaco laburista di Londra, Sadiq Khan, di aggressione “disgustosa e misogina”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Navi da guerra Usa e Russia rischiano la collisione, accuse reciproche di manovre non sicure in Mar Cinese Orientale

next
Articolo Successivo

Legge Merlin, per la Consulta “la libertà sessuale è un diritto ma non giustifica il favoreggiamento della prostituzione”

next