“Serve una normativa di sistema sul conflitto d’interessi, più volte annunciata in questi anni”. A rivendicarlo, il numero uno dell’Autorità anticorruzione Raffaele Cantone, nel corso della relazione annuale dell’Anac. “Allo stato, infatti, le armi per sterilizzare i conflitti di interesse sono decisamente spuntate; in tante occasioni sono state segnalate possibili (e gravi) situazioni di conflitti di interesse anche strutturale e l’Autorità si è dovuta limitare a rilevarne l’esistenza e a evidenziarla all’amministrazione con una semplice richiesta di rimuovere il conflitto”, ha precisato Cantone.

Parole apprezzate dal ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede: “Lo considero una priorità sulla quale bisogna lavorare con estrema tempestività“, ha spiegato. “Per la Lega non era una priorità e dopo le Europee i rapporti di forza sono cambiati? Siamo due forze politiche differenti con diverse priorità ma abbiamo come bussola il contratto di governo e da quello si riparte. Al suo interno si fa riferimento al conflitto di interessi e il Paese non può più attendere. Saremo i primi che la scriveranno”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ue, Brunetta: “Conte, Salvini e Di Maio? Dilettanti allo sbaraglio. E il povero Tria è in questa gabbia di matti”

next
Articolo Successivo

Csm, il segretario Pd Zingaretti: “Lotti e Ferri si devono dimettere? Per ora non ci sono indagati”

next