La scuola italiana ha fallito. Nei prossimi anni serviranno 236mila talenti del “Made in Italy” ma non ci saranno. A dirlo è un’indagine della Fondazione “Altagamma” ripresa dal Sole24Ore.

Entro il 2023 serviranno 89.400 professionisti nel campo dell’automotive ovvero nelle aziende che fabbricano macchinari, attrezzature e mezzi di trasporto. Le figure ricercate in questo settore saranno quelle di progettisti di prodotti materiali, meccatronici, montatori e manutentori. Nell’alimentare serviranno 49mila persone: tecnici di vinificazione, esperti di marketing, addetti all’accoglienza, guide eno-turistiche. E ancora nella moda si cercheranno 46.600 profili in particolare esperti in calzature, pelletteria, sartoria, tessuto, maglieria. Nell’ospitalità saranno 33.200 le figure ricercate e nel design 18.300. Peccato che l’offerta che arriva dalla scuola non sia all’altezza di questa richiesta.

I ragazzi in uscita dalle medie che scelgono gli istituti tecnici sono appena il 30,7%; ai professionali si scende addirittura al 15% e agli Its gli iscritti sono circa 13 mila. Inoltre nei prossimi cinque anni in tutto il mercato del lavoro entreranno solamente 665mila laureati mentre ne servirebbero tra gli 800 e i 900mila specie nelle materie “Stem” (cioè scientifiche, tecnologiche, matematiche, ingegneristiche). Ciò che non è funzionato è l’orientamento.

In questi anni la scuola non ha dato il giusto valore alle scuole tecniche che hanno, invece, una competenza specifica e unica che andrebbe riconosciuta e sostenuta. L’orientamento, invece, nel nostro Paese non funziona: chi va bene a scuola è destinato al liceo; chi va mediamente bene può aspirare ad un tecnico; chi va male è assegnato ad un professionale. E’ un modello che non funziona. E’ il momento di ripensare l’orientamento scolastico a partire dalla scuola primaria. Fin da bambini va riconosciuta la vocazione professionale sostenendo gli alunni in quelle materie dove meglio riescono. E in questo processo, abbiamo bisogno di avere maestri e professori delle scuole medie capaci di spingere l’acceleratore sulle cosiddette “Stem”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alla parata del 2 giungno

next