Vendiamo fiori con thc sotto lo 0,5, non sono sostanze droganti”. Dopo la decisione della Cassazione, che ha decretato il divieto di commercializzazione di “foglie, inflorescenze, olio e resina di cannabis”, dal festival Canapa Mundi di Roma gli addetti al settore sollevano dubbi e preoccupazioni. “Fermarne la produzione significherebbe dare uno stop a un mercato in espansione” ragiona uno dei rivenditori, Claudio Di Pietro.

“La legge fissa un limite tra cosa è una sostanza stupefacente e cosa non lo è” ribadiscono dall’Associazione Freeweed. “Bisogna capire se ora bloccheranno i negozi. Ma come si possono fermare attività legali che hanno avuto tutte le autorizzazioni necessarie?”. “La cannabis light non è una droga e non lo sarà nemmeno in futuro” è il commento dell’organizzatore, Gennaro Maulucci.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parata del 2 giugno, 43enne accoltella un ufficiale e grida: “Ho un microchip nel corpo impiantato dai servizi segreti”

next
Articolo Successivo

Quote tonno, chiude (di nuovo) la tonnara di Favignana: “Colpa del decreto Lega”. Da M5s a Fi tutti contro il Carroccio

next