Caro Stefano Feltri,

non volevo scrivere questo post e ho riflettuto a lungo prima di spedirlo, poi ho ritenuto giusto farlo per amore della verità. Insomma, non sono un complottista e comprendo le sue ragioni in merito alla partecipazione alla riunione del Bilderberg. Ragioni valide sul piano strettamente teorico: un giornalista partecipa a un convegno: che c’è di male?

Mi chiedo però se il “livello teorico” sia l’unico da cui occorra guardare questa vicenda. Per farla breve, sull’invito del Bilderberg evidenzio due cose: 1) che fin dal primo momento mi è sembrato un invito strano; 2) che la sua partecipazione, pur non essendo uno scandalo, mi è parsa quanto meno poco opportuna. La speculazione costruita dal Giornale conferma la mia tesi: “Tra i tanti bersagli del «Fatto quotidiano» ci sono da sempre i «lobbisti»… affari, politica, giornali, televisioni… Nel mondo dei complottisti però la lobby per eccellenza è una sola: il Club Bilderberg, il salotto che guiderebbe dall’ombra economia e politica. Indovinate un po’ chi hanno invitato quest’anno al super esclusivo Bilderberg? Stefano Feltri. Vicedirettore del Fatto. Sembra una lobby di Fatto”. Si tratta di una speculazione, dicevo; e non sono certo un ammiratore di Sallusti (rinvio al mio lontano “Sallusti svegliati non sei Montanelli”, il Fatto Quotidiano, 5 settembre 2013). Perché ne parlo allora?

Perché se scendiamo dall’astratta teoria (diritto di partecipare a qualsiasi convegno) al mondo reale, le cose sono più complicate: i giornali hanno un’anima, caro Feltri, che non deve per nessuna ragione essere esposta alle strumentalizzazioni. Potrebbe Massimo Franco partecipare a un convegno (per giunta a porte chiuse) di una nuova internazionale comunista? Sul piano teorico sì, ma sarebbe poco opportuno. Potrebbe Rossana Rossanda partecipare a un convegno (per giunta a porte chiuse) di un’organizzazione di estrema destra? Sul piano teorico sì, ma sarebbe poco opportuno. Mi fermo. Mi vengono in mente (chissà perché?) le costosissime scarpe di D’Alema o la sua barca: che c’era di male? Nulla. Eppure segnarono una caduta d’immagine. Ecco, l’immagine sua e del giornale: “questo” non è stato tenuto nel giusto conto.

Confermo l’impressione del primo momento: la presenza del vicedirettore del Fatto alla riunione del Bilderberg è un errore. Ovviamente (ma c’è bisogno di dirlo?) pongo solo una questione di opportunità – e di metodo – la stima verso la sua persona resta immutata.

Un caro saluto

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Lettera Ue, mercoledì risponde Bruxelles. Salvini: “Vedremo chi ha testa più dura”. Di Maio: “No tagli al welfare, bene”

next