L’avvio del 2019 per l’economia italiana è stato positivo, dopo la recessione di fine 2018, ma con il freno tirato. L’Istat ha infatti rivisto al ribasso la stima sull’aumento del pil nel primo trimestre rispetto a quello precedente, portandola a +0,1% dal +0,2 della stima preliminare diffusa il 30 aprile. Non solo: rispetto al primo trimestre del 2018 il pil è risultato in calo dello 0,1%, contro l’aumento di +0,1% calcolato ad aprile: la variazione tendenziale è la peggiore da cinque anni. La crescita del pil acquisita per il 2019 – quella che si otterrebbe se i restanti trimestri dell’anno si chiudessero con una variazione nulla del prodotto interno lordo – è pari a zero. Descrivendo le oscillazioni minime degli ultimi trimestri, l’Istat definisce l’andamento come “stagnante”.

La componente che più ha pesato sulla performance debole del primo trimestre è stata la variazione delle scorte, calate dello 0,6% sul trimestre precedente. Le aziende hanno quindi decumulato magazzino a causa dell’incertezza sul futuro. La domanda nazionale al netto delle scorte ha contribuito per 0,2 punti percentuali alla crescita: +0,1 punti per effetto dei consumi delle famiglie e un altro +0,1 grazie agli investimenti fissi lordi. Un contributo nullo invece è arrivato dalle Amministrazioni Pubbliche. Il commercio estero ha dato un apporto positivo di 0,5 punti riflettendo un “marcato calo delle importazioni” a fronte di un limitato incremento dell’export.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spread sfonda quota 290 punti nel giorno della risposta del governo alla lettera della Commissione Ue sul debito pubblico

next
Articolo Successivo

Bankitalia, la relazione di Visco: “Effetto del deficit si annulla se sale lo spread. Più poveri se Ue diventa avversario”

next