Il ministero dei Beni Culturali ha avviato l’iter per la revoca della concessione dell’Abbazia di Trisulti alla fondazione Dignitatis Humanae Institute, vicina a Steve Bannon, ex braccio destro di Donald Trump, che vorrebbe creare nella certosa di Collepardo, in provincia di Frosinone, la scuola internazionale del sovranismo. Il passo indietro ha avuto inizio con la richiesta da parte del ministro Alberto Bonisoli di avviare “le opportune azioni a tutela dell’amministrazione rispetto alle rilevate criticità in ordine alla legittimità dell’assegnazione in concessione” per violazione di diversi obblighi contrattuali. La notizia viene accolta positivamente anche dal Pd e da Sinistra Italiana.

La mossa di Bonisoli, spiega il Mibac in una nota, è stata decisa “a seguito degli esiti dell’attività ispettiva condotta e del conseguente parere dell’Avvocatura dello Stato richiesto qualche settimana fa dal ministero”. L’Avvocatura – prosegue la nota – “ha individuato la sussistenza di tutte le condizioni per procedere all’annullamento in autotutela, nonché alla declaratoria di decadenza del concessionario ai sensi dell’art. 19 del contratto di concessione, in conseguenza della violazione di diversi obblighi contrattuali”.

Anche il sottosegretario ai Beni Culturali, Gianluca Vacca, motiva la scelta del Mibac come “atto dovuto”: “Non c’entrano nulla le opinioni politiche, a noi interessa il rispetto della legalità e la tutela del patrimonio culturale nazionale, di cui la Certosa è parte. Ricordo solo che la concessione è datata 14 febbraio 2018, dunque tutta la procedura di affidamento è stata avviata, seguita e finalizzata sotto il precedente governo. Quando siamo arrivati noi, a giugno 2018, i giochi già erano fatti”.

Di intervento “positivo” parla il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mauro Buschini (Pd). “Ora la certosa liberata da rapporti evidentemente dannosi – aggiunge – torni a essere patrimonio di tutti, gioiello che il mondo conosce e ci invidia. Del resto le associazioni, i cittadini e il Comune avevano più volte manifestato il loro disappunto per la trasformazione di uno straordinario luogo di culto a scuola di politica sovranista”.

Esulta anche il leader di Si, Nicola Fratoianni, che nei mesi scorsi si era impegnato in prima persona, anche con diverse interrogazioni parlamentari, contro l’assegnazione della certosa alla Fondazione Dignitatis Humanae Institute di Bannon: “Una bellissima notizia – commenta – È una vittoria della legalità, del buonsenso e delle popolazioni di quel territorio che si erano viste scippate un bene comune di cosi inestimabile importanza e bellezza”.