“Abbiamo dato l’allarme più volte. Abbiamo chiesto aiuto, ma non ha risposto nessuno. Alla fine la persona è annegata. Ma non è possibile sapere in quanti siano morti, realmente, nel Mediterraneo”. La denuncia, accompagnata da un video, arriva dalla ong Sea Watch, il cui aereo riprende le fasi drammatiche in cui un gommone, partito dalla Libia e con 80 migranti a bordo, inizia a imbarcare acqua coi tubolari rotti. Un uomo, a un certo punto, finisce sotto le onde e scompare. Stando alla loro ricostruzione, i soccorritori hanno prima chiamato il Centro di coordinamento di Tripoli, senza ottenere risposta. Poi il pattugliatore Bettica della Marina militare che però, stando alla strumentazione della Sea Watch, cambia rotta. Alla fine, soltanto un’ora dopo, saranno gli stessi uomini della Bettica ad avvertire che in aiuto sta arrivando una motovedetta libica, la Fezzan.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma: l’ipotesi di una discarica a valle del sito Patrimonio Unesco. I timori di una “nuova Malagrotta” vicino a Villa Adriana

next