Apple ha presentato ufficialmente il nuovo iPod Touch, che è già in vendita con prezzi a partire da 249 euro. Esteticamente il nuovo lettore multimediale di Apple è analogo al predecessore: ritroviamo infatti lo schermo da 4 pollici, medesimi dimensioni, peso e design, e anche il connettore Lightning, al posto del quale sarebbe gradita una porta standard. Le novità si concentrano sui “miglioramenti in termini di potenza, capacità e comunicazione”.

Merito del chip A10 Fusion, che promette “prestazioni migliori nei giochi e, per la prima volta su iPod, esperienze coinvolgenti di Realtà Aumentata e FaceTime di gruppo, rendendo facile la conversazione simultanea con familiari, amici o colleghi”.

I tagli di memoria disponibili sono tre: 32 GB (la versione base a 249 euro), 128 GB (costa 359 euro) e 256 GB (469 euro). Le colorazioni sono invece rosa, argento, grigio, oro, azzurro e rosso.

Ovviamente è garantito il supporto a Apple Music e iTunes Store. Con il primo servizio gli abbonati possono accedere a un catalogo di oltre 50 milioni di canzoni, a migliaia di playlist, ascoltare Beats 1 Radio e le selezioni giornaliere fatte dai migliori esperti musicali. Chi è abbonato può inoltre creare le proprie playlist, riprodurre video musicali, ascoltare programmi Beats 1 in esclusiva e condividere la musica con gli amici. Inoltre, tramite il servizio Apple Arcade gli utenti potranno accedere (previo abbonamento) a oltre 100 giochi senza pubblicità o acquisti aggiuntivi. Ovviamente è disponibile anche l’offerta gratuita su l’App Store.

Le prestazioni saranno da verificare in fase di test. Greg Joswiak, Vice Presidente Product Marketing di Apple ha assicurato che questo dispositivo con sistema operativo iOS ha prestazioni due volte superiori rispetto al passato, pur mantenendo design sottile e leggero. “Il nuovo iPod touch offre anche esperienze AR divertenti e produttive in ambito gaming, education così come nella navigazione web”, sottolinea Apple ricordando come la nuova dotazione permetta anche di “dare vita a oggetti 3D come giocattoli e sculture”. Non vediamo l’ora di provarlo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Intel annuncia i processori Core di decima generazione e mostra i notebook del futuro

next
Articolo Successivo

Pulsanti per l’attraversamento pedonale verso la pensione, meglio le telecamere

next