Matteo Salvini parla da vincitore, mentre il M5s per il momento tace e Luigi Di Maio dichiarerà solamente lunedì pomeriggio. È il primo effetto dell’esito delle elezioni Europee che consegnano alla Lega più di un terzo dei consensi e la forza del primo partito in Italia. Il leader del Carroccio però per prima cosa conferma la fiducia al governo: “Non useremo questo voto per un regolamento di conti interni” e “ogni singolo voto che gli italiani ci hanno dato non verrà da me usato per chiedere mezza poltrona in più in Italia”, promette. Salvini sa anche che dopo queste elezioni il destino e le prossime mosse dell’esecutivo peseranno sul suo consenso e specifica: “Sarà un periodo economico complicato e siamo perfettamente consapevoli delle difficoltà”.

Dal quartier generale del M5s filtra “sconforto” e, secondo le agenzie di stampa, Di Maio avrebbe detto ai suoi: “Siamo stati penalizzati dall’astensione, soprattutto al Sud, ma ora testa bassa e lavorare. Restiamo comunque ago della bilancia in questo governo. Da qui in avanti più attenzione ai territori”. Secondo La7, il capo politico pentastellato ha inviato un messaggio telefonico a Salvini complimentandosi per l’esito del voto. Tutti gli altri partiti esultano, a partire dal Partito democratico che supera i Cinquestelle e torna sopra il 20%: “Molto soddisfatti per l’esito elettorale, la scelta della lista unitaria è stata vincente. Il bipolarismo è tornato a essere centrato sulla presenza del Pd. Siamo noi l’alternativa a Salvini”, ha detto il segretario Nicola Zingaretti in una dichiarazione al Nazareno. Per Forza Italia “il dato incontrovertibile” è che il partito azzurro “rimane centrale e determinante per la costituzione di una maggioranza di centrodestra alternativa al governo giallo-verde”. “Balza agli occhi che c’è un’alternativa possibile: Fratelli d’Italia e la Lega rappresentano l’alternativa”, sottolinea anche Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia.

La conferenza stampa di Salvini – Il ministro dell’Interno si è presentato in conferenza stampa con tanto di crocifisso in mano. Lo stesso che aveva esibito in piazza Duomo che ha baciato anche questa volta in diretta televisiva: “Ringrazio chi c’è lassù che non aiuta Matteo Salvini, ma aiuta l’Italia e l’Europa a ritrovare speranza, orgoglio, radici e sicurezza”. Salvini ha confermato fiducia al governo con il M5s: “Abbiamo subito attacchi quotidiani vergognosi, però la vita reale è più forte degli attacchi virtuali. Gli alleati di governo sono amici e da domani che si torna a lavorare serenamente”, ha detto il leader della Lega. Poi però ha avvertito: “Chiedo un’accelerazione sul programma di governo. A livello nazionale non cambia nulla”. E tra i punti elencati dal ministro dell’Interno, ovviamente, ci sono i provvedimenti bandiera del Carroccio: “Riduzione delle tasse, l’autonomia, il decreto Sicurezza, le grandi opere bloccate, lo Sblocca cantieri, il dl Famiglia, il decreto per i disabili”.

“Tra una settimana scommetto che arriva la lettera da Bruxelles” e a me “interessa mettermi a tavolo con i 5S per prepararci a rispondere”, ha aggiunto Salvini in collegamento con LA7. “Ai richiamini dei professorini agli studenti che si permettono di investire sul lavoro risponderemo, senza preoccupare i mercati che vogliono un’Italia che cresce”. “In base ai voti del popolo, risponderemo all’Europa che invece di aumentare le tasse faremo l’esatto contrario, le abbasseremo. La flat tax, non subito, è la via maestra”, ha tracciato la rotta. Quando poi è intervenuto anche a Porta a Porta, Salvini è tornato infine a punzecchiare il M5s: “Ringrazio Siri, vittima di un linciaggio senza precedenti. A lui va un abbraccio. I processi si fanno nei tribunali, non nel Consiglio dei ministri e non sui giornali”.

Zingaretti dal Nazareno – “Salvini emerge come vero leader di un governo immobile e pericoloso. Noi vogliamo costruire l’alternativa a Salvini per essere credibili in vista del voto politico. Il governo esce ancora più fragile per divisioni interne di fronte ai grandi appuntamenti che lo aspettano”, sostiene Zingaretti in una dichiarazione al Nazareno. “L’aggressione sovranista alle istituzioni europee è fallita – aggiunge – nel Parlamento europeo c’è un’ampia e solida maggioranza per cambiare, ma rilanciando il sogno europeista“. “Grazie agli italiani che sono tornati, che hanno guardato alla lista unitaria come una possibilità per voltare pagina e aprire una fase nuova”, prosegue Zingaretti. “Useremo la forza che ci viene dal risultato del voto per andare avanti innanzitutto sui contenuti e costruire un Piano per l’Italia imperniato su crescita, sviluppo, lavoro e giustizia sociale – conclude – Un nuovo programma per salvare il nostro Paese”.

Forza Italia e Fratelli d’Italia – “Siamo ancora indispensabili, senza Forza Italia il centrodestra perde… Noi siamo l’unica forza moderata di una coalizione vincente solo se corre insieme e io resto a Bruxelles l’unico argine al populismo anti-europeo. Più di questo non si poteva fare, ho dato il massimo“. Queste, a quanto apprende l’Adnkronos,  sono state le prime reazioni all’esito del voto di Silvio Berlusconi. “Chi si illudeva deve ricredersi: in sole due settimane di campagna elettorale, il Presidente Berlusconi ha compiuto l’ennesimo miracolo. L’oggettiva sconfitta dei Cinquestelle e il risultato della Lega confermano la possibilità e la necessità di costruire un’alternativa di centrodestra”. si legge in una nota di Forza Italia.

“È un risultato straordinario, è il secondo miglior dato di crescita dopo Matteo Salvini, faccio i complimenti a lui. Siamo cresciuti del 50% rispetto alle politiche ed è tutt’altro che scontato”, ha detto la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni nel suo comitato elettorale a Roma. “Balza agli occhi che c’è un’alternativa possibile e ora spetterà a ciascuno degli attori in campo se dare seguito alle indicazioni degli italiani”, ha aggiunto. Per Meloni, “Fratelli d’Italia non sì dà più limiti” visto che gli italiani “hanno raccontato una storia diversa” rispetto a quella per cui “la Lega avrebbe fagocitato FdI”.