Ha risposto alle domande e ha negato di essere responsabile della morte del figlio di 20 mesi. “Non sono stata io” ha detto Gaia Russo al gip di Novara Raffaella Zappatini. La donna è accusata col compagno Nicholas Musi dell’omicidio del piccolo Leonardo. La giovane ha risposto per oltre un’ora e mezza alle domande del giudice. Si è invece di nuovo avvalso della facoltà di non rispondere, come già prima dell’arresto, il compagno. 

Nel corso del lungo interrogatorio la giovane madre, ai domiciliari in una residenza protetta perché incinta, ha sostenuto la sua innocenza, senza fare esplicite accuse nei confronti del compagno ma di fatto scaricando su di lui la responsabilità del delitto, dal momento che in casa col bambino c’erano solo loro due. Leonardo è morto giovedì mattina all’arrivo all’ospedale Maggiore di Novara. La madre, che ha chiamato il 118, aveva parlato di una caduta dal lettino, ma l’autopsia ha rivelato che il bambino era stato “martoriato con lesioni multiple”.
A coordinare le indagini della squadra mobile di Novara e il pm Ciro Caramore che ha deciso il fermo della madre e del compagno. Il provvedimento è stato convalidato dal giudice. I due indagati restano in arresto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Omicidio suicidio nel Pavese, colf 26enne strangolata da datore di lavoro che poi si è tolto la vita

prev
Articolo Successivo

Roma, bimbo di dieci mesi morto nel sonno in un asilo privato. Ipotesi cause naturali

next