Vittorio Sgarbi ne fa una delle sue. La provocazione questa volta arriva da San Severino Marche (comune di cui Sgarbi è stato sindaco in passato), è davanti allo specchio, nudo. Il tema della dissertazione è subito dichiarato: “Silenzio elettorale”. Dopo aver filosofeggiato sul senso della regola rivela il suo voto: “Voto Marco Rizzo, partito comunista, contro l’unione europea e contro l’euro”… poi insinua il dubbio: “Ma essendo il voto segreto, chi dice che io dica la verità?”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, Beppe Grillo al seggio di Sant’Ilario con la moglie e il figlio che ha votato per la prima volta

next
Articolo Successivo

Milano, Salvini al seggio: “Mi interessa l’Europa, in Italia non cambia nulla”. Poi avverte il M5s: “Da domani stop insulti”

next