Vittorio Sgarbi ne fa una delle sue. La provocazione questa volta arriva da San Severino Marche (comune di cui Sgarbi è stato sindaco in passato), è davanti allo specchio, nudo. Il tema della dissertazione è subito dichiarato: “Silenzio elettorale”. Dopo aver filosofeggiato sul senso della regola rivela il suo voto: “Voto Marco Rizzo, partito comunista, contro l’unione europea e contro l’euro”… poi insinua il dubbio: “Ma essendo il voto segreto, chi dice che io dica la verità?”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Genova, Beppe Grillo al seggio di Sant’Ilario con la moglie e il figlio che ha votato per la prima volta

prev
Articolo Successivo

Milano, Salvini al seggio: “Mi interessa l’Europa, in Italia non cambia nulla”. Poi avverte il M5s: “Da domani stop insulti”

next