Si chiama GFX100 la nuova fotocamera Fujifilm con risoluzione di ben 102 megapixel, che costerà circa 10.000 dollari, escluso l’obiettivo. Ovviamente non si tratta di un prodotto indirizzato al grande pubblico, ma a una particolare categoria di professionisti dell’immagine, come ad esempio i ritrattisti, i documentaristi, i responsabili delle immagini ufficiali dei prodotti di lusso, o chi si occupa di fotografia astronomica.

Oltre alla risoluzione, un prodotto del genere garantisce alta qualità dell’immagine grazie al sensore retroilluminato, che permette di gestire in maniera ottimale le situazioni di bassa luminosità e di gode di una copertura totale per quanto riguarda i punti di autofocus a rilevamento di fase, oltre a riconoscere gli occhi e i visi. Inoltre il sensore c è stabilizzato fino a 5.5 stop, il che significa che riduce i tremolii che si possono presentare in fase di scatto.

È in grado di scattare foto RAW a 16 bit e non mancano i classici filtri foto di Fujifilm, come Velvia, Eterna Cinema e quello monocromatico. La GFX100 è anche dotata di un nuovo effetto per ammorbidire la resa della pelle, in modo da rendere al meglio nella ritrattistica.

Nel caso di registrazioni video, permette di girare sequenze fino a 4K con 30 fotogrammi al secondo a 4:2:2 10-bit. Si tratta di valori impressionanti, soprattutto considerando che è la prima volta che una fotocamera a medio formato permette di farlo. Insieme alla bassa profondità di campo e alla capacità di riprodurre colori molto naturali, questo strumento professionale offre risultati paragonabili a quelli ottenibili con prodotti ben più costosi, finanche ai 30.000 euro. E rispetto a questi ultimi supporta anche la parte video, mentre altri rivali fanno solo foto.

Nella parte posteriore sono installati uno schermo orientabile con una risoluzione di 5,76 milioni di punti, un mirino elettronico intercambiabile e un doppio alloggiamento per schede UHS-II, oltre al doppio vano per le batterie.

Da notare infine che la GFX100 è resistente a polvere e umidità ed è maneggevole al pari di una reflex professionale come la Canon 1Ds MkIII. Il peso è di circa 1,5 kg, comprensivi delle due batterie e due schede UHS-II.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Airbus mostra il suo taxi volante con interni finiti: ecco come ci si sentirà a bordo

prev
Articolo Successivo

Digitale, il lato oscuro si chiama Pdf. E la trasparenza resta lontana

next