Accolto tra l’euforia dei militanti pentastellati, l’ex deputato Alessandro Di Battista si è presentato a Roma alla chiusura della campagna elettorale del M5s. “Dopo il voto delle Europee non cambierà nulla. Le opposizioni non vogliono il voto, noi non lo vogliamo di certo, abbiamo tante cose da fare, dal reddito minimo al conflitto d’interessi”, è convinto l’ex deputato. E ancora: “Se Salvini decidesse di far saltare il governo? Non commento i ‘se’, vedrete che dopo che sarà votato il taglio dei parlamentari nessuno vorrà tornare al voto”, ha insistito.
E sull’assenza di Beppe Grillo per la chiusura della campagna elettorale del M5s ha tagliato corto: “Lo avete sempre sentito dire che il M5s sarebbe andato avanti con le proprie gambe…”. Poi, pressato dai militanti, Di Battista si è dedicato a selfie e autografi. Scherzando con gli stessi simpatizzanti M5s che lo hanno seguito allo stand dei gadget del Movimento: “Senza donazioni, niente selfie”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

De Luca: “Di Maio? Sua massima responsabilità vendere chinotti e noccioline allo stadio con Genny La Carogna”

prev
Articolo Successivo

Olanda, il numero uno dei laburisti canta vittoria: “Abbiamo sconfitto i sovranisti in Olanda grazie ai contenuti seri”

next