Arrestato l’autista del pullman che nella mattina di mercoledì 22 maggio si è ribaltato sulla superstrada Siena-Firenze causando la morte della guida turistica russa e il ferimento di altri 37 turisti di Paesi dell’est Europa. Il guidatore 35enne, Leonardo Santoro,di Castrovillari (Cosenza), è accusato di omicidio stradale e lesioni con l’aggravante della distrazione. Il provvedimento è scattato dopo che dalle indagini svolte dalla polizia stradale è emerso che l’autista si sarebbe distratto mentre si trovava alla guida dell’autobus turistico a due piani. Il conducente avrebbe poi tentato di riprendere il controllo ma senza risultato: è andato a sbattere contro il guardrail ed è finito nella scarpata. Sull’asfalto non sono stati trovati i segni della frenata. La distrazione non sarebbe tuttavia legata al cellulare ma ad alcune operazioni sulla plancia di comando che hanno distolto la sua attenzione dalla strada.

L’autista ha trascorso la notte nelle camere di sicurezza della caserma della polizia stradale a Siena. Questa mattina, al Tribunale senese si terrà l’udienza davanti al giudice per la convalida dell’arresto. Quanto ai passeggeri, quarantaquattro turisti sono rientrati nella notte tra mercoledì e giovedì nell’albergo di Montecatini Terme dove alloggiano. In 21 sono stati trattenuti invece nell’ospedale di Siena, mentre uno si trova ricoverato nell’ospedale di Poggibonsi. I visitatori avrebbero dovuto visitare il centro storico della città del Palio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Pavia, 15enne picchiato in classe da un bullo: ora rischia di perdere un occhio

next