“Abbiamo a che fare con un presidente del Consiglio che è la somma di tutte le incompetenze, che è impalpabile sui dossier internazionali. E tanta è la spocchia che parla di se in terza persona”. Lo dice Matteo Renzi a un’iniziativa elettorale a Roma. Siamo “alla dittatura dell’incapacità” e “se uno non sa la differenza tra garantismo e giustizialismo visto che Conte ha detto che per lui pari sono, vuol dire che non solo non sei in grado di fare il premier ma neanche di fare il professore”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dl Sicurezza bis, Conte: “Cdm dopo le europee. Ne ho parlato con Di Maio e Salvini. Da Mattarella nessuna censura”

next
Articolo Successivo

Falcone, Conte: “La lotta alla mafia è una battaglia di libertà. Contro politica deviata che si piega a torbidi accordi”

next