Fischi, urla, cori da stadio scanditi da frasi come “restituisci i 49 milioni” e anche insulti hanno accompagnato il comizio del leader della Lega, Matteo Salvini in piazza sant’Oronzo a Lecce. La voce del vicepresidente del Consiglio a tratti è stata coperta dal rumore dei contestatori che apparivano in numero equivalente se non superiore ai sostenitori. I contestatori sono stati tenuti a distanza di sicurezza dal palco del comizio. La piazza è stata cinturata da decine di poliziotti in assetto antisommossa. “Qui bisogna chiudere qualche centro sociale” ha detto Salvini rispondendo ai manifestanti, “alla violenza si risponde con le idee”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Riace, il Tar riammette il comune di Mimmo Lucano nel sistema Sprar

prev
Articolo Successivo

Lecce, Salvini “vittima” del finto selfie. Il giovane: “Non siamo più terroni di m***, eh?”. E il ministro reagisce così

next