Maurizio Venafro, ex capo di gabinetto di Nicola Zingaretti alla Regione Lazio, è stato condannato in appello a un anno di reclusione per turbativa d’asta in un filone dell’inchiesta “Mondo di mezzo”. Disposto per Venafro anche il divieto di contrattare con la pubblica amministrazione per 1 anno. Nel processo di primo grado l’ex braccio destro del governatore era stato assolto con formula piena “per non avere commesso il fatto“, ma il 12 aprile il sostituto procuratore generale di Roma, Pietro Catalani, aveva chiesto al collegio giudicante di condannarlo ad un anno di reclusione.

La III Corte d’Appello ha inoltre confermato la condanna con la stessa accusa ad 1 anno e 4 mesi nei confronti di Mario Monge, ex dirigente della cooperativa Sol.Co. La vicenda è legata all’affidamento della gara d’appalto per l’assegnazione del servizio Cup della nel 2014, il centro unico prenotazioni delle prestazioni sanitarie della Regione, appalto bloccato dalla Pisana dopo i primi arresti nel dicembre del 2014 per Mafia Capitale. Secondo l’accusa, è scritto nel capo di imputazione, Venafro “avrebbe concorso a indirizzare l’aggiudicazione dell’appalto in un’ottica di spartizione tra cooperative vicine ad ambienti di destra e di sinistra”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fisco, Max Biaggi assolto. Per il tribunale non c’è stata nessuna maxi-evasione

prev
Articolo Successivo

Evasione fiscale, milanese 92enne patteggia 8 mesi e versa 15 milioni alle Entrate e 3,6 al figlio che l’ha denunciata

next