Un uomo di 42 anni di Monterotondo Scalo, a nord est di Roma, è morto in ospedale per una ferita alla testa. Secondo gli investigatori, è stato colpito durante una lite in famiglia dalla figlia di 19 anni, all’interno del loro appartamento.

Stando alle prime informazioni, l’uomo era rientrato a casa nella notte ubriaco e aveva iniziato ad aggredire verbalmente la moglie. Dopo tre ore, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, la giovane è riuscita a uscire di casa in compagnia della madre quando il padre ha cercato di fermarle con modi aggressivi. La ragazza ha poi preso un coltello da cucina per convincerlo a non non avvicinarsi, scrive il quotidiano Repubblica. Secondo le prime ricostruzioni, a quel punto è scoppiata una rissa violenta e un fendente ha colpito l’uomo alla nuca, recidendo un’arteria.

Sul 42enne non esistevano denunce pendenti, anche se era noto per essere alcolista e violento (anche in famiglia). La figlia si trova ora nella caserma dei carabinieri di Monterotondo. La sua posizione è al vaglio del magistrato della procura della Repubblica di Tivoli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spacca la testa a un senzatetto con un estintore: arrestata guardia giurata del Policlinico Umberto I

prev
Articolo Successivo

Monterotondo, 19enne uccide il padre violento dopo ennesima aggressione a lei e alla madre. Pm valuta legittima difesa

next