“Vorrei ringraziare quei genitori che dagli spalti gli hanno urlato negro di m…“. Rita Aicardi, madre di un ragazzino adottato in Etiopia, denuncia con un post su Facebook gli insulti razzisti che suo figlio ha dovuto subire durante una partita di basket di un torneo amichevole Under 13 giocato a Milano sabato pomeriggio.  “Lo sapevo. Me lo aspettavo. Lo temevo. È successo. Un bel pomeriggio di sport, un torneo di basket tra ragazzini di 13 anni e i genitori dagli spalti urlano ‘negro di m…’. Non ho parole e quel che è peggio non ne ho neanche da dire a lui“, si legge in uno dei post della madre.

Rita Aicardi ha scritto un messaggio anche alla Asd Tigers Basket Milano, la società per cui gioca il figlio. “Mio figlio è stato adottato in Etiopia. È italiano dalla pelle nera”, ha ricordato la donna, per poi concludere il post con un amaro “Evviva lo sport”. La società di basket si è subito dissociata e ha precisato che “da sempre lottiamo contro ogni episodio di discriminazione di ogni forma e tipo e continueremo a farlo fino a quando episodi come questo non esisteranno più”. “Faremo in modo di avere più chiarezza sull’accaduto”, ha promesso l’Asd Tigers.

Dopo i primi post su Facebook, la donna ha ricevuto molti commenti di solidarietà e ha infine tenuto a precisare che “in merito alla vicenda, la società Tigers non ha alcuna responsabilità! Si impegna da anni a trasmettere valori dello sport, della condivisione e dell’inclusione a ragazzi tra l’altro di una zona non facile di Milano. Non alimentiamo generalizzazioni che fanno il gioco di chi sulla divisione ci vuole campare. Sosteniamo invece chi lavora nella direzione opposta. Ne abbiamo tutti bisogno”, ha concluso Rita Aicardi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sea Watch, gli evangelici aprono le porte: “Strutture a disposizione in Italia e in Ue” Di Maio: “Ue prenda in carico i migranti”

prev
Articolo Successivo

Genova, riprendono le operazioni di carico sulla nave che trasporta armi. Merce sensibile lasciata in porto

next