Forza Italia sorretta dai capitali della famiglia Berlusconi, Fininvest ed Ennio Doris, la Lega e la sinistra finanziate dalle aziende e +Europa di Emma Bonino che ha ricevuto 100mila euro di finanziamento da Soros. Tutto lecito e trasparente, anche se il registro per potere consultare in tempo reale le donazioni – che devono essere pubbliche oltre il tetto dei 3mila euro – a tutt’oggi non esiste. Repubblica spiega di avere ottenuto dati dalla banca dati di Montecitorio dopo un percorso tortuoso, durato giorni tra la richiesta alla Tesoreria e l’attesa di una risposta. Una risposta che alla fine è arrivata e dalla quale emergono nomi e cognomi dei finanziatori più importanti del panorama politico italiano. Incluse alcune sorprese, pur tenendo ben presente che la maggior parte dei finanziamenti non passa dal Parlamento ma confluisce “in associazioni, fondazioni spesso di comodo dove la trasparenza è un optional e l’opacità la regola”.

Venendo alle sorprese, la prima riguarda Guido Alpa: l’ex socio dello studio legale col presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha scelto di donare 5mila euro all’ex ministro dem Andrea Orlando e a nessuno dei due partiti al governo. A incassare somme importanti da pochi ma illustri finanziatori è + Europa di Emma Bonino che può vantare 100mila euro da George Soros, altrettanti da sua moglie Tamika Bolton e 30mila da Guido Maria Brera, amministratore del gruppo di private banking Kairos. Tra tutti i finanziatori spicca Peter Baldwin, filantropo nel board della Wikimedia Foundation nonché suo grande benefattore, che in tutto ha versato 516mila euro così suddivisi: 100mila a +Europa, 260mila al segretario del partito Benedetto Della Vedova e 156mila al braccio destro di Bruno Tabacci, Carlo Romano. Con Soros, ha detto Emma Bonino parlando con Corriere Tv, “ci siamo trovati, prima della caduta del Muro, a sostenere i dissidenti dell’epoca e dopo la caduta del Muro la sua attività a sostegno della democrazia e della società aperta ha permesso di portare a casa battaglie di libertà come il Tribunale penale internazionale. Ma è tutto chiaro e trasparente, pubblicato sui bilanci”.

Passando invece a Forza Italia, negli ultimi cinque anni Silvio Berlusconi ha versato ben 100 milioni di euro, mentre i suoi figli tra il 2015 e il 2016 hanno versato un milione: 200mila Marina, Piersilvio, Luigi e suo fratello Paolo e 100mila da Eleonora e Barbara. Stessa cifra, quest’ultima, data cinque anni fa da Ennio Doris e dai suoi figli Sara e Massimo, nonché da Bruno Ermolli, consigliere Fininvest. Un’azienda che, per parte sua, ha contribuito “con mezzo milione dal 2014 a oggi”. Guardando sempre al centrodestra ma al fronte leghista, il partito di Salvini e le sue diramazioni incassano decine di migliaia di euro da un variegato ventaglio di imprese: Vaporart (100mila euro), Carbotermo spa (15mila), ConsorzioGisa (45mila euro) e nel comparto agricolo la Biogreen (30mila), Giulia Srl di Ormello (10mila), Confagricoltura Roma (25mila) e Now, “azienda inaugurata dal vicepremier e finita nell’inchiesta dei 49 milioni che alla Lega Liguria ha donato 67mila euro. Nell’area di centrosinistra, invece, il gruppo della ex ministra allo Sviluppo Economico Federica Guidi, tramite la sua controllata Telefin, ha dato 25mila euro alla Lega e 20mila a Carfagna e La Russa. Nello stesso gruppo invece Ducati energia ha guardato a sinistra e donato 10mila euro a Boschi, Ferri e Madia. Stessa cifra che il gruppo emiliano Cremonini ha dato a Bernini, Martina e Alfano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Docente sospesa a Palermo, Grasso pubblica il video degli studenti: “Salvini teme i ragazzi intelligenti?”

prev
Articolo Successivo

Governo, Di Maio: “Rixi condannato? Dovrà essere allontanato”. Molinari (Lega): “Così è complicato andare avanti”

next