“C’è una campagna d’odio contro noi rom e sinti. I partiti xenofobi, compresa la Lega, hanno permesso che i fascisti alzassero la testa e che si sentissero autorizzati ad aggredirci non solo verbalmente, ma anche fisicamente”. Oggi a Milano oltre 500 rom e sinti dell’associazione Kethane hanno consegnato al prefetto di Milano una lettera indirizzata al ministro dell’Interno, Matteo Salvini. Chiedono di poter vivere in sicurezza e in tranquillità dopo le recenti aggressioni ai danni di famiglie rom a Casal Bruciato.

“Il silenzio del ministro dell’Interno dopo i fatti di Roma dice più di mille parole” spiega una ragazza che tiene lo striscione di apertura del corteo. Poco prima, sempre a Milano, l’associazione Kethane ha organizzato un confronto con alcuni dei candidati alle Europee dei principali partiti dell’arco costituzionale. Un confronto che avrebbe dovuto prevedere la presenza della leghista Gianna Gancia che ha disertato l’evento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Radio Radicale, Giachetti: “Inizio sciopero sete. Mi appello a Salvini e a Di Maio, al quale mi lega un’amicizia personale”

next
Articolo Successivo

Striscioni anti-Salvini, i segnali sono inquietanti. Ma è in arrivo l’effetto boomerang

next