Ci vuole un certo grado di coerenza per cambiare casacca ad ogni singola elezione, per quindici anni. Alberto Tramontano, oggi è candidato con la Lega per il consiglio comunale di Campobasso.”la Lega sarà protagonista con umiltà”, diceva in un video pochi mesi fa. Ma fino a ieri ha militato in cinque diverse liste, in cinque diverse elezioni. Una carriera testimoniata da una collezione di santini elettorali.

La sua carriera inizia nel 2004, con i Democratici di Sinistra, quando sostiene il candidato sindaco Giuseppe Di Fabio. Con lui, entrerà in Consiglio comunale per la prima volta nel 2007. Nell’amministrazione avrà la delega alle politiche sociali e la presindenza delle commissioni politiche giovanili e politiche europee. Due anni più tardi, nel 2009, si candida al Comune con la lista Democrazia Popolare e sostiene Gino Di Bartolomeo.

Arriva il 2011 e Tramontano si candida alle provinciali di Campobasso con la lista dell’Udeur, venendo eletto con il Presidente Rosario De Matteis. Per cinque anni ricoprirà la carica di assessore con delega al turismo. Alla fine del mandato torna a candidarsi alle amministrative comunali con al lista civica Città Amica, con il candidato sindaco Michele Scasserra. Ma nel 2016 ripensa alla provincia, presenta una lista in appoggio ad Antonio Battista, salvo poi ritirarla all’ultimo minuto.

Per le elezioni amministrative di quest’anno, la stampa locale ha parlato di lui come possibile guida della coalizione di centrodestra, a 15 anni dal suo inizio con i Ds. “Tramontano. Una persona vera”, diceva il suo primo santino elettorale.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cagliari, M5s revoca il simbolo al suo candidato sindaco dopo frasi antiabortiste e contro unioni gay

next
Articolo Successivo

Mafia, Sisto (Fi): “L’abbiamo combattuta più di tutti. M5s? Con Falcone e Borsellino toccano pancia Paese”

next