La Corte di Cassazione conferma la condanna in appello a cinque anni e sei mesi di reclusione per peculato e corruzione all’ex presidente del tribunale di Sanremo e di Imperia, Gianfranco Boccalatte. La sentenza, ora definitiva, è stata pronunciata dalla Cassazione al termine di un processo avviato nel 2011 e tenutosi a Torino. L’ex magistrato è stato ritenuto responsabile di peculato e corruzione, mentre è stato prosciolto dalle accuse di tentato abuso d’ufficio e millantato credito, reati caduti in prescrizione. Da queste accuse è stato prosciolto anche Riccardo Amedeo Bosio, architetto di Ventimiglia. Confermati i risarcimenti e il pagamento delle spese processuali nei confronti delle parti civili.

Boccalatte era stato accusato dalla procura di Torino e dai Carabinieri di aver creato un sistema illecito per favorire alcuni amici tramite incarichi e consulenza e trarne beneficio economico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Salerno, compravano i giudici per avere sentenze favorevoli: 14 persone arrestate con l’accusa di corruzione in atti giudiziari

next