La Corte di Cassazione conferma la condanna in appello a cinque anni e sei mesi di reclusione per peculato e corruzione all’ex presidente del tribunale di Sanremo e di Imperia, Gianfranco Boccalatte. La sentenza, ora definitiva, è stata pronunciata dalla Cassazione al termine di un processo avviato nel 2011 e tenutosi a Torino. L’ex magistrato è stato ritenuto responsabile di peculato e corruzione, mentre è stato prosciolto dalle accuse di tentato abuso d’ufficio e millantato credito, reati caduti in prescrizione. Da queste accuse è stato prosciolto anche Riccardo Amedeo Bosio, architetto di Ventimiglia. Confermati i risarcimenti e il pagamento delle spese processuali nei confronti delle parti civili.

Boccalatte era stato accusato dalla procura di Torino e dai Carabinieri di aver creato un sistema illecito per favorire alcuni amici tramite incarichi e consulenza e trarne beneficio economico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salerno, compravano i giudici per avere sentenze favorevoli: 14 persone arrestate con l’accusa di corruzione in atti giudiziari

prev
Articolo Successivo

Arezzo, gommista uccise un ladro dentro sua rivendita: chiesta archiviazione. Pm: “Legittima difesa”. Lui: “Non ri-sparerei”

next