Bagarre in Aula al Senato durante l’ultimo intervento del senatore Pd, Dario Stefano, sul dl agricoltura. Il parlamentare dem stigmatizza prima l’assenza del ministro leghista Gian Marco Centinaio: “Il fatto che oggi non sia qui in Aula ma a fotografare le carpe in Giappone è la riprova di quanto sia poco o affatto interessato all’agricoltura, e ancor meno a quella pugliese”.

Subito dopo si pronuncia sulle dichiarazioni odierne del sottosegretario M5s con delega all’editoria, Vito Crimi, a proposito della proroga della convenzione di Radio Radicale. E, mentre il senatore Pd parla, i suoi colleghi espongono cartelli con la scritta “Salvate Radio Radicale”.
“Il nostro voto in dissenso – dichiara Stefano – mi dà anche l’occasione per ribadire che il rinvio a dopo il 27 maggio della mozione su Radio Radicale e ancor più le dichiarazioni di Crimi oggi alla stampa, che ribadiscono il no al rinnovo della convenzione, sono incommentabili. Sono un attentato alla democrazia e alla libertà perché reiterano una censura alla libertà di informazione“.

Immediata la replica di Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato: “Senatore Stefano, se cercavate la scusa per i cartelli… non si fanno così le dichiarazioni di voto”.
Si scatena il caos dai banchi della maggioranza e Calderoli commenta: “Siamo a posto. Se si sfruttano le dichiarazioni di dissenso anche per questo, allora veramente siamo a posto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cartelli anti-Salvini sui banchi del Pd, lui replica: “Mia figlia si diverte così”. Ma Carfagna lo rimprovera

prev
Articolo Successivo

Europee, candidata Pd Gualmini manda messaggio elettorale a mailing list universitaria. Rettore: “Grave leggerezza”. Lei si scusa

next