Cinque persone sono state fermate a Strasburgo nell’ambito delle indagini sull’attentato dell’11 dicembre scorso al mercatino di Natale in cui ha perso la vita anche il giovane giornalista italiano, Antonio Megalizzi. Gli arresti sono scattati “nel quadro delle verifiche sulle armi detenute da Chérif Chekatt“, il terrorista ventinovenne ucciso dalle forze dell’ordine francesi dopo due giorni di caccia nel capoluogo alsaziano. Lo hanno reso noto fonti giudiziarie citate dalla stampa locale. Secondo Le Parisien, i fermati hanno un’età compresa tra i 23 e i 46 anni.

L’attentato di Strasburgo causò 5 morti, tra cui il giornalista italiano, oltre a undici feriti. Proprio in memoria del giovane reporter, come riporta l’Agi, è stata istituita una fondazione che ha l’obiettivo di ricordarne l’impegno e lo studio. I familiari hanno spiegato: “La fondazione si propone di collaborare soprattutto con il mondo scolastico ed accademico, in modo da accrescere la responsabilità civile e sociale dei giovani”. Come riporta Milano Today, il comune di Segrate (Milano) ha annunciato intanto che intitolerà il parco di via Fratelli Cervi al giovane.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tsunami, scatta l’allerta per Papua Nuova Guinea e Isole Salomone. Registrato sisma di magnitudo 7.7

prev
Articolo Successivo

Brexit, il 3 giugno May presenta nuova proposta al Parlamento. Ma l’intesa col Labour è lontana

next