Per la prima volta dopo 12 anni nel 2018 in Italia è calata la crescita di energia pulita, prodotta da solare, eolico, bioenergie, e procedono a passo lento anche gli investimenti nel settore. Tutto ciò mette a rischio gli obiettivi al 2030 per il nostro Paese che, paradossalmente, si conferma tra le nazioni con le maggiori opportunità sul fronte delle rinnovabili grazie a risorse fossil-free diffuse e differenti da nord a sud. Oggi sono circa un milione gli impianti, tra elettrici e termici, installati in tutti i comuni italiani. Il rapporto Comuni Rinnovabili 2019 di Legambiente, attraverso cento storie italiane, racconta un percorso già in atto di innovazione radicale dell’autoconsumo e delle comunità energetiche. L’Italia resta il Paese del sole: “Praticamente in ogni città, grande o piccola – si spiega nel rapporto – è installato almeno un impianto fotovoltaico”, mentre sono 7.121 quelli del solare termico, 1.489 quelli del mini idroelettrico (in particolare al centro nord) e 1.028 quelli dell’eolico (soprattutto al centro sud). Infine 4.064 quelli delle bioenergie e 598 quelli della geotermia. Oltre tremila comuni sono diventati autosufficienti per i fabbisogni elettrici e 50 per quelli termici, mentre sono 41 le realtà già rinnovabili al 100% per tutti i fabbisogni delle famiglie. “In dieci anni – spiega Legambiente – la produzione da rinnovabili è cresciuta di oltre 50 TWh, con un contributo delle rinnovabili che è passato dal 15 al 35,1% rispetto ai consumi elettrici e dal 7 al 18% in quelli complessivi”.

INSTALLAZIONI A RITMI LENTISSIMI – Eppure nel 2018 le installazioni da rinnovabili hanno continuato con ritmi lentissimi, in continuità con gli ultimi cinque anni (una media di 502MW all’anno per il solare e di 342 per l’eolico). “Ritmi inadeguati perfino a raggiungere i già limitati obiettivi al 2030 della Strategia energetica nazionale e del nuovo Piano Energia e Clima, la cui versione finale dovrà essere presentata a dicembre a Bruxelles” spiega Katiuscia Eroe, responsabile Energia di Legambiente. Con la direttiva 2018/2011, l’Europa ha definito principi e regole per le comunità energetiche e i prosumer (produttori-consumatori) di energia da fonti rinnovabili, “grazie alle quali saranno smontate le assurde barriere che oggi impediscono di scambiare energia pulita nei condomini o in un distretto produttivo e in un territorio agricolo” commenta dichiara Edoardo Zanchini vicepresidente di Legambiente. La sfida? “Che Governo e Parlamento si impegnino a recepire la direttiva entro il 2019”. Per sostenere questa richiesta Legambiente lancia oggi la petizione “Liberiamo l’energia rinnovabile”, indirizzata al premier Giuseppe Conte e al ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio per chiedere di semplificare le procedure per tutti coloro che scelgono di puntare sulle energie pulite.

LE RAGIONI DEL CALO – D’altro canto, il calo negli ultimi anni non è dovuto solo al taglio degli incentivi, ma anche alle barriere, anche non tecnologiche, che trovano i progetti nei territori. Autorizzazioni e consenso rimangono ancora “un buco nero delle procedure italiane. Il Piano Energia e Clima – sottolinea Legambiente – deve affrontare i nodi che ancora impediscono il pieno sviluppo delle rinnovabili in Italia”, sia in termini di autorizzazioni che di supporto allo sviluppo delle energie pulite “e di premiare i sistemi capaci di contribuire alla flessibilità della rete”.

QUALCHE NUMERO – I risultati raggiunti nell’ultimo decennio sono stati possibili grazie agli oltre 822mila impianti fotovoltaici distribuiti in quasi tutti i comuni italiani, a oltre 17mila tra idroelettrici (3.430), eolici (4.618), da biogas e biomasse (2.753), geotermici ad alta e bassa entalpia (7.164), i 4,36 milioni di metri quadri di impianti di solari termici e gli oltre 66mila impianti a bioenergie termici. La tecnologia in maggiore crescita è il fotovoltaico (a quota 20,1 GW), mentre quella con la maggior potenza complessiva è ancora l’idroelettrico dove si sono aggiunti 1,5 GW di mini agli impianti storici. La Lombardia è la regione con il maggior numero di impianti da fonte rinnovabile in Italia (8,850 MW installati), grazie soprattutto all’eredità dell’idroelettrico del secolo scorso. Mentre è la Puglia la regione in cui vi sono le maggiori installazioni delle nuove rinnovabili, ossia solare e eolico (5.213 MW su 5.532 MW totali).

L’ITALIA RINNOVABILE IN CENTO STORIE – Le cento storie raccontate nel dossier hanno al centro il tema dell’autoproduzione e della distribuzione locale. C’è l’esempio della Cooperativa Elettrica di Funes, in provincia di Bolzano, che soddisfa pienamente il fabbisogno del territorio, grazie al mix delle fonti rinnovabili e i cui soci sono gli stessi abitanti della valle. La coop produce più energia pulita di quanta ne consumi e il resto viene venduto alla rete nazionale reinvestendo i ricavi sia in sconti sulla bolletta elettrica, sia progettando e realizzando nuovi impianti. Anche nel settore agricolo le esperienze positive non mancano. Nell’Azienda Agricola Val Paradiso, a Naro (Agrigento), si coltivano oltre 100 ettari di ulivi secondo i disciplinari dell’agricoltura biologica e l’intero processo produttivo è alimentato con energia pulita proveniente da fonte rinnovabile. Lo stesso avviene nell’Azienda Agricola Arte, tra Manfredonia e Cerignola in Puglia, che quattro anni fa ha avviato una produzione biologica certificata e ora è autosufficiente nei consumi grazie a un impianto di biogas.

Oppure l’Azienda Agricola Isola Augusta, nel comune di Palazzolo dello Stella (Udine), che ha realizzato tre impianti fotovoltaici che riducono i costi di energia impiegata. L’azienda dispone anche di una colonnina di ricarica per veicoli elettrici, oltre ad un impianto geotermico ad acqua di falda che riesce a soddisfare l’80% del riscaldamento delle strutture (alloggi, agriturismo, cantina). Tra le storie segnalate quella del Comune di Cavalese, in Val di Fiemme, in Trentino Alto Adige, dove è presente un impianto di teleriscaldamento alimentato a biomassa, proveniente dagli scarti di lavorazione delle segherie e falegnamerie locali, che sostituisce oggi oltre 3 milioni e mezzo di litri di gasolio e produce energia elettrica e termica distribuita attraverso le reti locali. La Sem (Società Elettrica in Morbegno), in provincia di Sondrio, è invece una cooperativa fondata nel 1897 che produce energia elettrica attraverso lo sfruttamento di nove impianti mini idroelettrici situati in Valtellina/Alto Lario ed è oggi distributore unico per alcuni comuni della zona.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gli inceneritori facili di Renzi sono in contrasto con la legge europea

prev
Articolo Successivo

Elettrosmog, che figura di Stato! I ministeri ci ripensano e sui rischi dei cellulari fanno ricorso

next