Importavano alimenti dall’estero immettendoli sul mercato e spacciandoli per prodotti italiani, con il simbolo del tricolore sugli imballi. Con questa accusa sono state denunciate 24 persone dopo che la Guardia di Finanza di Torino ha scoperto e sequestrato oltre 20 tonnellate di alimenti frutto di una frode.

I finanzieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Torino, hanno smantellato un’intera organizzazione criminale che importava dall’estero i prodotti destinati al mercato nazionale. Gli alimenti, una volta giunti in Italia, venivano confezionati con imballi riportanti false indicazioni ad Altamura (Bari) dove i finanzieri della locale compagnia hanno sequestrato 3 tonnellate di alimenti e un grande quantitativo di materiale destinato al confezionamento. Ceci, fagioli e arachidi venivano dal Canada, dalla Cina, dall’Argentina e dall’Egitto e, senza alcun processo industriale di trasformazione “sostanziale”, venivano poi immessi in commercio con l’indicazione che li definiva prodotti italiani, confermata anche dal simbolo del tricolore sugli imballi. Così oltre 40mila confezioni pre-imballate sono state sigillate mentre gli investigatori ritengono che oltre 150mila unità fossero ancora da confezionare: la frode commerciale avrebbe potuto fruttare oltre un milione di euro. L’indicazione “Altamura” sugli imballi ha inoltre violato anche la tutela specifica per i prodotti disciplinati dall’Indicazione Geografica Tipica.

La produzione illegale è stata interrotta proprio ad Altamura oltre che in due depositi di Rozzano, nel milanese, riconducibili a due commercianti del Marocco. I finanzieri hanno inoltre eseguito una quindicina di perquisizioni a Torino, dove erano iniziate le indagini e dove è stata sequestrata oltre una tonnellata tra farine e legumi di provenienza estera ma spacciati per Made in Italy.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cimiteri, ad Acri non ci sono più posti e le bare finiscono in una stanzetta. Sindaco: “Situazione di emergenza”

prev
Articolo Successivo

Forza Nuova, striscione contro Papa Francesco: “Bergoglio come Badoglio”. Altri attacchi a Mimmo Lucano e giudici

next