Il futuro dell’Unione europea è un argomento che non suscita grande entusiasmo. Tra i cittadini interpellati in strada in vista delle prossime elezioni europee, alcuni invocano l’Italexit; molti hanno perso ogni fiducia nel processo di integrazione, pur ritenendo che l’Italia debba rimanere nella zona Euro; gli stessi sostenitori della UE auspicano una profonda riforma delle regole. Ma in quale direzione? “Impossibile una vera unione senza leggi uguali per tutti, dal fisco alla sicurezza”, spiegano alcuni. “L’Italia finora è stata suddita della Germania, questa subalternità deve finire”, aggiungono altri. Il tema dei migranti è tra i più sentiti: “Serve un meccanismo di equa condivisione fra tutti gli Stati membri”. E noi cittadini che cosa possiamo fare? “Innanzitutto votare, anche senza molte speranze”, risponde qualcuno.  “Dovremmo scegliere chi vale davvero, se ne abbiamo l’intelligenza’. E voi che ne dite?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cannabis legale, Salvini vuole “chiudere tutti i negozi”. Ma la Lega contribuì a far approvare la legge

prev
Articolo Successivo

Milano, Salvini fa visita agli Alpini ma non tutte le penne nere apprezzano. E c’è chi urla: “Ma vai a lavorare”

next