“Decreto Sicurezza bis? Sono deluso, non c’è nulla sui rimpatri”. A rivendicarlo il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio, dopo che già in casa pentastellata era filtrata una certa irritazione sul provvedimento rilanciato da Matteo Salvini. Sul fenomeno migrazione e sui rimpatri in particolare “Se voteremo il decreto? Ancora abbiamo letto solo la bozza, ma ripeto non c’è nulla sui rimpatri. Siamo pronti a dare una mano a Salvini, ma le colpe non possono essere sempre degli altri. Inviare una lettera a Conte e a Trenta sui rimpatri dicendo “si deve fare di più” mi sembra una iniziativa ingiusta”, ha continuato Di Maio al Forum delle associazioni familiari, contestando la lettera inviata da Matteo Salvini al premier e al ministro della Difesa. E ancora: “Non vorrei che il decreto sicurezza Bis fosse un ennesima iniziativa per coprire il caso Siri e per coprire quello che è successo sulla corruzione in queste ultime tre settimane”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gianni De Michelis, morto vice-segretario del Partito Socialista di Bettino Craxi. Fu ministro degli Esteri e del Lavoro

next