Come da attesa, Google ha presentato ufficialmente la versione definitiva di Android Q, il prossimo sistema operativo per smartphone. Arriverà ad estate inoltrata e soddisfa tutte le aspettative. Gli utenti potranno controllare in maniera approfondita le applicazioni che monitorano la posizione e decidere di limitare l’attività in background (tutto quello che avviene senza che l’utente ne veda traccia). Chi usa la condivisione dei file potrà beneficiare di scooped storage, che peraltro consentirà un maggiore controllo dei permessi concessi alle applicazioni per l’accesso ai file della memoria esterna.

Grazie alla funzione Sharing Shortcuts, Android Q consentirà di passare direttamente da un’app all’altra per condividere più velocemente i contenuti, ad esempio sui social. Google ha reso inoltre più difficile l’accesso ai parametri identificativi degli smartphone, come codice IMEI o numero seriale.  Risponde all’appello pure il tema oscuro (conosciuto anche come Dark Mode): l’utente può personalizzare questa modalità di visualizzazione (che fa risparmiare energia quindi aumenta l’autonomia) decidendo di tenerla sempre attiva o di attivarla solo in determinate fasce orarie.

Interessante il supporto nativo agli smartphone pieghevoli. Benché al momento siano poco presenti sul mercato, Google vuole farsi trovare pronta nella gestione delle applicazioni su schermi da 4,6 pollici che si estendono a 7,3 pollici, o schermi da 6,6 pollici che diventano da 8 pollici.

Infine, Android Q supporterà finalmente i codec video open source AV1 capaci di offrire una migliore qualità dello streaming, diminuendo al contempo l’utilizzo di banda. Con una connessione lenta si riuscirà a vedere comunque contenuti di qualità. Una novità interessante alla luce della sempre maggiore diffusione di servizi di streaming come Netflix, Prime Video e Google Play Film.

Android Q, ricerche in 3D, la traduzione con Lens e tutte le novità della conferenza Google I/O

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Smartphone Pixel 3a e 3a XL in arrivo in Italia, ecco prezzi, caratteristiche e le prime impressioni d’uso

next
Articolo Successivo

Dal 1 gennaio 2020 WhatsApp non supporterà più gli smartphone Windows Phone

next