Chi sta ancora usando uno smartphone con sistema operativo Windows Phone, come ad esempio i prodotti dell’ormai defunta gamma Lumia, dal 1 gennaio 2020 non potrà più accedere a WhatsApp. Non è una tempesta a ciel sereno, la notizia era nell’aria da diversi mesi, ora è arrivata la conferma ufficiale tramite il blog dell’azienda produttrice. Del resto, la versione di WhatsApp per Windows Phone non è più in sviluppo da tempo, e non è da escludere che alcune funzionalità possano cessare di funzionare anche prima di gennaio 2020.

Quelli con Windows Phone non saranno gli unici prodotti tagliati fuori da WhatsApp. Prima di tutto saranno depennati quelli con Windows Mobile, un sistema operativo Microsoft destinato ai primi dispositivi mobili, come ad esempio i Pocket PC, rimpiazzato nel 2010 da Windows Phone. Insomma, se la fine del supporto di quest’ultimo può creare qualche fastidio, difficilmente sarà altrettanto per Windows Phone, che ormai si può ritenere a tutti gli effetti un prodotto vintage.

Nokia Lumia 950

La nota ufficiale è l’occasione per ripassare un capitolo importante della storia del settore mobile: “quando abbiamo creato WhatsApp nel 2009, l’uso dei dispositivi mobili era molto diverso da oggi. L’App Store di Apple aveva solo pochi mesi. Circa il 70% degli smartphone venduti in quel momento disponeva di sistemi operativi prodotti da BlackBerry e Nokia. I software di Google, Apple e Microsoft – che rappresentano il 99,5% delle vendite di oggi – erano installati su meno del 25% dei dispositivi mobili venduti”.

Il mercato è cambiato tanto velocemente quanto profondamente, come avevamo ricordato anche in questa notizia con un grafico particolarmente suggestivo. Comprensibile quindi che gli sviluppatori di WhatsApp vogliano focalizzare il lavoro sulle piattaforme mobili utilizzate dalla stragrande maggioranza degli utenti, non su quelle ormai abbandonate.

L’elenco dei prodotti che verranno dismessi da WhatsApp include anche gli smartphone con Android 2.3.7 (pubblicato nel 2010), e gli iPhone con iOS 7 (pubblicato nel 2013). Per entrambe, il supporto di WhatsApp sarà chiuso il 1 febbraio 2020. Senza bisogno di misurarsi con le impostazioni del telefono alla ricerca della versione del sistema operativo installato, per sapere se un prodotto è fra quelli a rischio si fa più in fretta a fare mente locale sulla data di acquisto. I prodotti per cui preoccuparsi sono quelli Android comprati fino al 2010 e gli iPhone acquistati prima del 2013.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Android Q, ricerche in 3D, la traduzione con Lens e tutte le novità della conferenza Google I/O

prev
Articolo Successivo

Nuovi altoparlanti portatili Marshall, vintage e qualità audio per intenditori

next