Tra le coperture del decreto Crescita, pubblicato in Gazzetta ufficiale il 30 aprile, ci sono anche 100 milioni che erano destinati a finanziare il bonus Cultura per i neodiciottenni. A lamentare il taglio è l’Associazione italiana editori (Aie), che parla di “grave errore che chiediamo di correggere“. “Siamo increduli – commenta il presidente Ricardo Franco Levi – in una notte sono scomparsi 100 milioni per la cultura. Si pensa alla crescita tagliando sul futuro dei giovani”. Segue un appello al ministro Bonisoli, al governo e al Parlamento che, auspica Levi, “troveranno come ricostituire il fondo nella sua interezza”. Il ministero della Cultura ha risposto che  “sono stati solo ed esclusivamente anticipati 100 milioni di euro per il dl Crescita: una misura indispensabile per la ripresa economica del Paese. I fondi saranno stanziati di nuovo tra qualche settimana. Il bonus cultura non sarà toccato, ai ragazzi nati nel 2000 non sarà tolto un solo euro”.

Il bonus 18app, ha rivendicato Levi, “ha aiutato le famiglie italiane dimostrandosi un investimento utile, che ha contribuito in modo rilevante alla crescita del Paese e, in particolare, al settore librario. Tra l’altro è stato largamente utilizzato dalle famiglie per acquistare i libri di testo per l’università, svolgendo un ruolo simile ai fondi destinati all’acquisto dei testi scolastici in favore degli alunni delle scuole dell’obbligo”.

Va ricordato che, stando ai dati del ministero dei Beni culturali, l’anno scorso il bonus è stato utilizzato da 417mila diciottenni che hanno speso complessivamente 192 milioni di euro in 5.354 esercizi commerciali – negozi, librerie, teatri, musei – aderenti all’iniziativa. I fondi stanziati per quest’anno – dopo che il governo Conte ha deciso di prorogare la misura ideata da Renziammontavano a 240 milioni, in calo rispetto ai 290 previsti per il 2018. A valle del taglio previsto dal decreto Crescita scenderanno a 140. Per i nati nel 2001 si sta valutando l’introduzione di un limite Isee oltre il quale non si avrà diritto al bonus.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sole 24 Ore, sì dell’assemblea degli azionisti all’azione di responsabilità per ex vertici

prev
Articolo Successivo

Imprese, indice manifatturiero Italia sale a 49,1 punti: miglior dato da dicembre. Prosegue fase di debolezza tedesca: 44,4

next