Al primo Maggio libero e pensante di Taranto sono molti gli interventi di testimonianza che si avvicendano sul palco, tra un gruppo e l’altro. Tra i tanti anche quello di Pietro Marrone, il comandante della nave Mediterranea, che ha mandato un saluto ai tarantini, rinnovando l’impegno a salvare vite in mare

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

1 maggio, concertone a Taranto: dalle battaglie sul clima all’Ilva “chiusa”. ‘Cambiano gli attori ma restano i tumori’

prev
Articolo Successivo

1 maggio Taranto, l’operaio Ilva: “Accordo di settembre è stata una violenza, nostra vita vale più dio 70mila euro”

next