Al primo Maggio libero e pensante di Taranto sono molti gli interventi di testimonianza che si avvicendano sul palco, tra un gruppo e l’altro. Tra i tanti anche quello di Pietro Marrone, il comandante della nave Mediterranea, che ha mandato un saluto ai tarantini, rinnovando l’impegno a salvare vite in mare

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

1 maggio, concertone a Taranto: dalle battaglie sul clima all’Ilva “chiusa”. ‘Cambiano gli attori ma restano i tumori’

next
Articolo Successivo

1 maggio Taranto, l’operaio Ilva: “Accordo di settembre è stata una violenza, nostra vita vale più dio 70mila euro”

next