La messa per Benito Mussolini per i 74 anni dalla sua morte a Ventimiglia non si farà. Lo assicura il vescovo della diocesi di Ventimiglia-Sanremo Antonio Suetta parlando con l’Ansa. E’ stato il presule a negare la celebrazione del rito in suffragio che avrebbe dovuto essere in programma per domani nella chiesa di Sant’Agostino, nella cittadina frontaliera. La messa era stata chiesta, come ha scritto il Secolo XIX, da un gruppo di nostalgici del Ventennio guidati da un avvocato ventimigliese, erano state sollevate dall’Anpi. “La messa è un atto di culto a Dio e come tale deve rimanere – risponde il vescovo Suetta – Ogni fedele ha il diritto di richiedere una messa o una preghiera per chiunque perché il suffragio è un’opera di misericordia che non viene negata a nessuno. Questo atto, però, deve essere sempre rispettato nella sua specificità e deve essere scevro da qualsiasi strumentalizzazione che ne travisi il senso. Per questo motivo riteniamo preferibile non accondiscendere a questa richiesta, perché ne è stato fatto un motivo di strumentalizzazione e la messa non deve diventare occasione di pubblicità“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trieste, alla mezza maratona “no atleti africani”: polemica contro l’organizzatore. Che dice: “Stop mercimonio, scelta etica”

next
Articolo Successivo

Manduria, pugni e calci all’anziano che poi viene trascinato in strada: nel video le violenze e le risate dei ragazzi indagati

next