Un vasto incendio è divampato in una discarica abusiva in zona Collatina, alla periferia est di Roma. I vigili del fuoco sono al lavoro per spegnere il rogo – che è sotto controllo – mentre una densa nube nera e un odore acre si sono sollevati su tutta la zona. Al momento non risultano esserci feriti.
Il comandante della polizia locale di Roma Antonio Di Maggio ha dichiarato: “Riteniamo sia un incendio doloso. L’area era stata sottoposta a sequestro penale dalla polizia locale a febbraio e a giorni doveva essere bonificata”. Di Maggio ha inoltre spiegato che lì venivano versati rifiuti – per esempio parti di elettrodomestici smontati – dai nomadi del vicino campo.

Le fiamme sono divampate dopo le 23 del 25 aprile e si sono rapidamente propagate in tutta l’area a ridosso di via Collatina Vecchia fino a lambire, secondo quanto scrive Il Messaggero, una centrale elettrica e alcuni cavi dell’alta tensione. Secondo le prime ricostruzioni, a bruciare sarebbero materiali di risulta in una discarica abusiva di grandi proporzioni nei pressi della stazione ferroviaria Palmiro Togliatti. L’area era già stata in parte sottoposta a sequestro dal 2 febbraio scorso e, sempre secondo il quotidiano di Roma, i cittadini della zona in più occasioni avevano denunciato la possibile situazione di pericolo.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Foggia, rogo nella baraccopoli abusiva di Borgo Mezzanone. Giovane del Gambia muore carbonizzato

next
Articolo Successivo

25 aprile, Trieste divisa: la manifestazione si sdoppia. Le istituzioni alla Risiera di San Sabba, Anpi fa un corteo a parte

next