È stata annullata la prima sessione di prove libere del Gran Premio di Azerbaigian, a Baku. La decisione dopo una bandiera rossa causata da un tombino saltato. A farne le spese è stato l’inglese George Russell della Williams, che ha visto la sua vettura gravemente denneggiata. La sessione è durata solo pochi minuti, al momento della sospensione al comando c’era la Ferrari di Charles Leclerc con il tempo di 1:48.343.

La seconda sessione di prove libere è confermata per il primo pomeriggio italiano, dopo che i commissari avranno finito di controllare tutti i 300 tombini presenti sul circuito. Per quanto riguarda la Williams di Russell, uscito indenne dall’impatto, il tombino “ha rovinato il fondo della vettura e sono un po’ preoccupato per il telaio”. Il vice-capo della Williams, Claire Williams, ha dichiarato: “Non è quello che ci si aspetta da una pista di Formula 1. Non è accettabile, il danno potrebbe lasciarci fuori per il pomeriggio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Formula 1, Gran Premio Cina: così la Ferrari ha umiliato Leclerc

next
Articolo Successivo

Formula 1, Gp Baku: Bottas in pole, poi Hamilton. Altro disastro Ferrari: Vettel terzo, Leclerc finisce contro il muro

next