Siri si deve dimettere da sottosegretario e se non lo fa chiederemo a nome del governo di farlo, anche al presidente del Consiglio”. Così il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, al termine delle celebrazioni del 25 aprile che si sono tenute alla sinagoga di via Cesare Balbo a Roma. Che poi fa riferimento a Matteo Salvini: “È inutile andare a Corleone a dire che vuoi liberare il Paese dalla mafia se poi non dai il buon esempio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

25 aprile a Torino: “Derby? Salvini non conosce la storia”. Il partigiano centenario Segre: “Non celebrare è qualunquista”

next
Articolo Successivo

25 aprile, il termine fascismo è come una parolaccia: più lo si usa e più lo si svuota. Ed è un problema

next