Siri si deve dimettere da sottosegretario e se non lo fa chiederemo a nome del governo di farlo, anche al presidente del Consiglio”. Così il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, al termine delle celebrazioni del 25 aprile che si sono tenute alla sinagoga di via Cesare Balbo a Roma. Che poi fa riferimento a Matteo Salvini: “È inutile andare a Corleone a dire che vuoi liberare il Paese dalla mafia se poi non dai il buon esempio”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

25 aprile a Torino: “Derby? Salvini non conosce la storia”. Il partigiano centenario Segre: “Non celebrare è qualunquista”

prev
Articolo Successivo

25 aprile, il termine fascismo è come una parolaccia: più lo si usa e più lo si svuota. Ed è un problema

next