Siri si deve dimettere da sottosegretario e se non lo fa chiederemo a nome del governo di farlo, anche al presidente del Consiglio”. Così il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, al termine delle celebrazioni del 25 aprile che si sono tenute alla sinagoga di via Cesare Balbo a Roma. Che poi fa riferimento a Matteo Salvini: “È inutile andare a Corleone a dire che vuoi liberare il Paese dalla mafia se poi non dai il buon esempio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

25 aprile a Torino: “Derby? Salvini non conosce la storia”. Il partigiano centenario Segre: “Non celebrare è qualunquista”

next
Articolo Successivo

25 aprile, il termine fascismo è come una parolaccia: più lo si usa e più lo si svuota. Ed è un problema

next