Lo smartphone di fascia media Xiaomi Mi 9 ha fatto capolino in diversi Mi Store italiani al prezzo di 399,90 euro. Un fra i tanti fan l’ha immortalato accanto cartellino del prezzo, ma l’azienda ci ha confermato che l’apertura delle vendite inizierà solo a partire dalla prossima settimana. Insomma, si trova in alcuni flag store del marchio cinese ma non è stato ancora dato il fuoco alle polveri (del marketing).

La versione in vendita del Mi 9 SE è quella con 6 GB di memoria RAM e 128 GB di spazio di archiviazione interno. Per il resto le caratteristiche sono quelle comuni a tutta la gamma, a partire dalle dimensioni compatte di 147,5 x 70,5 x 7,5 mm, considerato lo schermo da 5,97 pollici.

Quest’ultimo è un modello AMOLED (Active Matrix Organic LED), ossia un display che non necessita di retroilluminazione, quindi è più leggero dei LED tradizionali e consuma meno corrente. Lo schermo integra anche il lettore d’impronte digitali. La fotocamera frontale da 20 MP è nascosta dietro a un moderno notch a goccia, sul retro c’è invece la tripla fotocamera posteriore. È composta da un sensore principale da 48 MP accoppiato a un teleobiettivo da 8 MP e a un terzo sensore grandangolare da 13 MP.

L’elaborazione è affidata al processore Snapdragon 712 di Qualcomm, mentre il sistema operativo è Android 9 Pie personalizzato con l’interfaccia grafica proprietaria. La connettività è completa, fatta eccezione per la mancanza della presa jack per le cuffie. Non mancano invece il chip NFC e una batteria da 3.070 milli Ampere per ora.

Per capire se il Mi 9 SE soddisfa il rapporto qualità/prezzo tipico del produttore bisognerà attendere di poterlo provare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Smartphone pieghevole Huawei Mate X in commercio a luglio

prev
Articolo Successivo

Serpente robot veloce e preciso grazie alle tecniche giapponesi del kirigami

next