Barack Obama e Hillary Clinton accusati di “resa all’Islam” e di voler negare che dietro alla strage di Pasqua in Sri Lanka ci sia uno “scontro di civiltà” tra religioni. Con polemica che infuria sui social, ripresa tra l’altro da due giornalisti del Tg2 e del Foglio. La colpa? Aver condannato gli attentati esplosivi contro “turisti e fedeli che celebravano la Pasqua“, in inglese “Easter worshippers“, invece che scrivere “cristiani“. In Italia molti si spingono a sostenere che la traduzione di Easter worshippers è “adoratori della Pasqua”, quasi si trattasse di una frase volutamente blasfema. In realtà il termine Easter fa diretto riferimento alla Pasqua cristiana, perché quella ebraica in inglese si chiama “Passover”.

Tutto nasce da un tweet del sedicente imam australiano (non è ufficialmente riconosciuto come imam) Mohamad Tawhidi, sostenitore della necessità di riformare l’Islam, limitare il numero di moschee e mettere al bando alcuni testi sacri. Domenica Tawhidi ha postato un confronto tra i messaggi di cordoglio diffusi dall’ex presidente Usa e dalla ex candidata democratica dopo il massacro di marzo in due moschee neozelandesi e quelli twittati domenica dopo gli attentati di Colombo e altre città cingalesi. “Trova la differenza“, il suo messaggio. Sia Obama sia la Clinton esprimono cordoglio per gli “Easter worshippers”, mentre a marzo avevano espresso solidarietà all’intera “comunità musulmana”. Di qui gli attacchi, con il sottinteso che i due politici Usa avrebbero utilizzato un giro di parole per non scrivere il termine cristiani che avrebbe potuto risultare sgradito, questa l’interpretazione, alla comunità islamica.

Questa lettura ha iniziato a circolare sui social ed è stata rilanciata e accreditata dal giornalista del Tg2 Luca Salerno, da Giulio Meotti del Foglio e da un blog del sacerdote Mauro Leonardi sul sito dell’Agi. Martedì il Giornale riprende la polemica e titola in prima pagina: “Vietato dire cristiani”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, lite tra due clochard in stazione: “Accoltellato perché aveva crocifisso”. Salvini scrive a prefetti, M5s: “Non basta”

next
Articolo Successivo

Milano, assaltavano bancomat e li facevano esplodere: Carabinieri arrestano 5 persone. Incastrati dai video

next