L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni chiede al governo di ripensare la scelta di non rinnovare la convenzione con Radio Radicale.Il Movimento 5 Stelle ha ribadito più volte l’intenzione di togliere all’emittente i fondi pubblici che da 25 anni le consentono di trasmettere le sedute del Parlamento e raccogliere nel suo archivio, tra il resto, le registrazioni di udienze di processi, riunioni del Csm e della Corte costituzionale.

L’Agcom ha inviato al governo una segnalazione urgente in cui auspica che, “nelle more di una complessiva e non più rinviabile riforma della materia, che al fine di assicurare la continuità di un servizio di interesse generale, il Governo possa prorogare l’attuale convenzione, quanto meno fino al completamento della definizione dei criteri e delle procedure di assegnazione”.

Nell’esercizio dei poteri di segnalazione, l’Autorità ha inviato al Governo “una segnalazione urgente intesa a formulare alcune osservazioni e proposte di intervento in materia di affidamento di una rete radiofonica dedicata ai lavori parlamentari, nonché all’identificazione di un servizio media radiofonico e multimediale destinato all’informazione istituzionale con finalità di interesse generale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ho osservato gli intellettuali di sinistra sui social e capito la loro inefficacia

prev
Articolo Successivo

Dalla Brexit a Salvini: è davvero tutta colpa di Facebook?

next