Un luogo di protezione e affetto dedicato a minori vittime di reati e violenze, anche sessuali, a pochi chilometri da Milano. La struttura potrà accogliere 6-8 bambini alla volta e il progetto è riservato a piccoli da 0 a 6 anni vittime di maltrattamento o allontanati dalla famiglia con provvedimento dell’autorità giudiziaria. Si tratta della Casa di Timmi (Team per l’identificazione del maltrattamento a Milano) e verrà costruita grazie al progetto Invisibile agli occhi di Terre des Hommes (TdH).

“La campagna nazionale di raccolta fondi da destinare a Invisibile agli Occhi (in corso fino al 21 aprile, ndr) nasce dall’impegno e dall’esperienza consolidata della nostra organizzazione nel campo della protezione dei minori e della prevenzione della violenza sui minori. La Casa di Timmi, con la ristrutturazione e gli arredi dell’immobile, gli operatori, i servizi per i bambini ospitati, dai pasti ai trasporti, dall’abbigliamento alle attività ludico ricreative, dalle cure mediche al supporto psicologico e così via, costerà circa 300mila euro l’anno”, spiega a ilfattoquotidiano.it Federica Giannota, Responsabile Advocacy e Programmi Italia di Terre des Hommes.

Le attività della casa coinvolgeranno educatori, psicologi, pediatri, famiglie e volontari selezionati in modo da poter fornire un’assistenza completa, con la finalità di arrivare a un rientro sicuro del bambino presso i genitori o il suo trasferimento presso una famiglia affidataria o adottiva. “Nell’ottica di offrire una normalità familiare – aggiunge Giannota – la comunità seguirà il minore nel percorso scolastico e durante il tempo libero, lavorerà costantemente per favorirne l’integrazione nel contesto locale, rafforzarne la crescita emotiva e arricchirne il bagaglio esperienziale”.

Secondo i dati elaborati dal Comando Interforze della Polizia di Stato per conto di Terre des Hommes, che riguardano solo i casi che sono stati denunciati e hanno richiesto un intervento della Polizia o dei Carabinieri, i reati commessi in Italia su minori sono in costante crescita. I numeri si riferiscono al Dossier Indifesa 2018, in particolare fotografano la situazione del 2017 rispetto all’anno prima, e sono definiti dall’organizzazione “molto preoccupanti”. Nel 2017 sono stati 5.788 i minori vittime di reati (circa l’8% in più), dall’omicidio alla violenza sessuale, dal maltrattamento in famiglia fino alla prostituzione minorile. E di queste vittime, 6 su 10 sono bambine, particolarmente esposte soprattutto per quel che riguarda gli abusi sessuali.

Tra il 2007 e il 2017 il numero dei minori vittime di reato è cresciuto del 43% (da 4.061 a 5.788). Il reato che miete il maggior numero di vittime tra i minori in Italia è il maltrattamento in famiglia. “Appare particolarmente agghiacciante la cifra di 1.723 bambini in un solo anno. Forse si tratta anche di una maggiore propensione a denunciare casi di abusi che prima rimanevano sommersi”, dice ancora Giannota. Preoccupanti anche i dati delle violenze sessuali, le cui vittime (per l’84% femmine) sono aumentate del 18% nel 2017. In forte crescita soprattutto il numero dei minori vittime di reati legati alla pedopornografia: +57% per la detenzione di materiale pornografico e +10% per la loro produzione.

Cosa dovrebbe fare il governo per far fronte a questo crescente fenomeno criminale? “Ci auguriamo – conclude Giannota – che il lavoro di monitoraggio sui bambini vittime di violenza nel nostro Paese entri finalmente a sistema. È assolutamente necessario che l’Italia si doti di questo strumento, recependo finalmente i ripetuti inviti dell’OMS e dell’ONU diretti ai governi italiani nell’ultimo ventennio, perché solo così potremo fare le scelte giuste in termini di risorse e di politiche per contrastare un fenomeno troppo spesso sottostimato”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caro Maurizio Landini, le femministe ti scrivono

next
Articolo Successivo

Genova, i vicoli come le stanze di casa: clochard attori per un giorno nel videoclip dell’associazione San Marcellino

next