Un call center del centro dell’impiego di Milano, gestito dai detenuti direttamente da una sala del carcere di Opera. Realizzato anche grazie alla collaborazione con l’Afol Metropolitana e al Regione Lombardia, è uno dei progetti d’inserimento lavorativo all’interno della casa di reclusione milanese, che in questo modo dà lavoro a 420 persone e ne favorisce il rientro nella società e nella collettività. Il call center dovrà ricevere e smistare le chiamate in ingresso al numero unico 02 77404141 di Afol Metropolitana e fornire informazioni agli utenti sulle modalità di fruizione dei servizi forniti dall’agenzia per la formazione, l’orientamento e il lavoro. Un’occupazione che permette di dialogare con chi sta dall’altra parte del telefono e migliorare così le capacità di relazionarsi con gli altri. Le altre attività dei detenuti spaziano dall’assemblaggio alla saldatura, dalla digitalizzazione di archivi documentali al call center, dal giardinaggio alla produzione di prodotti alimentari, fino ad arrivare persino alla realizzazione di violini

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Famiglie senza frontiere, l’Italia arcobaleno risponde a Verona

prev
Articolo Successivo

Violenza contro le donne, quando la punizione per chi si ribella è il rogo

next