Passeranno il resto della loro vita in carcere David Louise Turpin, i coniugi finiti a processo per aver tenuto legati a catene o all’interno di gabbie i loro tredici figli, senza cibo né giocattoli, e sottoponendoli anche ad abusi. La sentenza era attesa per la serata di venerdì e per marito e moglie veniva ipotizzata una condanna intorno ai 25 anni. Il giudice, però, ha deciso che per le violenze a cui sono state sottoposte le tredici persone, di età compresa tra i 2 e i 29 anni, all’interno della casa di Perris, in California, che risultava registrata come scuola privata secondo il Dipartimento dell’Educazione, i due meritassero l’ergastolo.

A svelare i dettagli della vita d’inferno all’interno di quella che è stata ribattezzata dalla stampa “La casa degli orrori” è stata una delle bambine, una 17enne che è riuscita a scappare. I contenuti della sua telefonata al 911 sono stati resi pubblici nel corso del processo svoltosi in California: “Vivo in una famiglia di quindici persone, i miei genitori violenti hanno abusato di me e due delle mie sorelle sono incatenate”. La ragazza ha aggiunto: “Io non sono mai uscita“, precisando di non poter dire se qualcuno fra i suoi fratelli e sorelle avesse bisogno di cure mediche.

Quando sono arrivati sul posto, gli agenti hanno trovato “alcuni bambini legati al letto con catene e lucchetti al buio”, in stanze invase da “un odore nauseabondo”. La diciassettenne aveva raccontato: “Qualche volta mi sveglio e non posso respirare per quanto la casa è sporca”. Inoltre, a chi le chiedeva quando avesse fatto l’ultimo bagno ha risposto: “Non so, quasi un anno fa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Iran, la boxeur rischia l’arresto perché senza velo. Fossi in lei, per ora non tornerei in patria

prev
Articolo Successivo

Libia, Francia: “Subito un cessate il fuoco”. Moavero con il ministro di Parigi: “Nostra cooperazione è fondamentale”

next