Guardo ancora questa denuncia di alcuni giorni fa, lucidissima e definitiva, di una mamma che racconta la sua personale condizione (due figli disabili da assistere e sostenere senza alcun aiuto pubblico) e le privazioni che una società indifferente le impone.

Queste sue parole sono pietre. Pietre contro il modo in cui si usano i soldi di tutti, si decidono le gerarchie, i bisogni, le urgenze. Pietre contro questa nostra falsa democrazia. Pietre contro l’indifferenza.

Questa mamma, questa donna tarantina, racconta attraverso il suo pianto, l’incredulità nel vedersi esclusa dalla civiltà, tenuta incarcerata al suo destino, nemmeno tollerata, semplicemente invisibile. Dà voce al mondo che ci passa accanto ogni giorno senza riuscire a vederlo.

Per vedere dovremmo essere in quel baratro, e lei, grazie alle sue parole, ci conduce, per una ventina di secondi, esattamente nel luogo in cui si trova. E ci fa provare come è quell’altro mondo, come si vive nell’altro mondo, che sarebbe anche il nostro se solo ce ne accorgessimo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il nuovo look fascista di Giorgia Meloni

prev
Articolo Successivo

Di Maio e la lezione di Taranto

next